Home Cronaca

Adp: un treno in corsa vicino alla destinazione?

29 ottobre 2012 – Con un colpo di coda dell’ultimo minuto, tra le 129 delibere votate in due mezze giornate di lavoro, la (nuova) giunta regionale lombarda guidata dal governatore uscente Formigoni ne ha inserita una dedicata all’Accordo di Programma dell’area ex Alfa (leggi qui il documento). Si tratta di una delibera di indirizzo in cui, a pochi giorni dalla conclusione delle procedure formali, la Regione sostanzialmente approva i contenuti dell’Adp, che quindi potrebbe in tempi brevi essere sottoposto al consiglio comunale di Lainate e al commissario prefettizio di Arese per la relativa ratifica. Da questa novità è partita la serata che venerdì scorso ComunImprese ha organizzato per parlare del futuro dell’area. Anche se tutto sembra ormai delineato, infatti, potrebbe esserci ancora spazio per possibili integrazioni, se non addirittura vere e proprie alternative.

All’incontro, coordinato da Giuseppe Augurusa, hanno partecipato – tra gli altri – i sindaci di Rho, Lainate e Garbagnate. “Quello di questa sera,” ha detto Augurusa in apertura di serata, “è un momento importante, anche se il piano attuale vede protagonisti diversi. I comuni interessati sul piano formale sono solo quelli di Lainate ed Arese. Sul piano sostanziale, però, questo piano riguarda tutti e quattro i comuni. Avevamo invitato anche il commissario prefettizio Anna Pavone, che però ha cordialmente declinato l’invito. Rispettiamo questa sua decisione, ma esprimiamo rammarico perché ci sarebbe piaciuto sentire anche l’opinione dell’amministrazione locale.

A fare da tema portante della serata è stato il lavoro. Presenti in sala, tra l’altro, diversi rumorosissimi ex lavoratori dell’Alfa Romeo, che hanno ancora una volta voluto ribadire come si sentano lontani dai loro rappresentanti politici, accusati di non avere fatto abbastanza per difendere il lavoro in quell’area. Nella pratica, si è parlato di come si potrebbe intervenire per riqualificarla, con la presentazione di uno studio teorico promosso da ComunImprese e con un’idea di riconversione del polo museale messa a punto dalla società di design MadeInDreams.

Ma prima di entrare nel vivo della proposta, è intervenuta Angela Fioroni, segretaria della Lega delle Autonomie ed ex sindaco di Pero, che ha parlato della sua esperienza e della sua visione nella riqualificazione delle aree dismesse. Va ricordato, che Fioroni era sindaco quando, per far posto a alla nuova Fiera di Milano si è bonificata l’area della raffineria presente tra Rho e Pero.