Home Cronaca

Anche per i servizi digitali del Comune arriva lo SPID

26 febbraio 2019 – Il Comune amplierà progressivamente i servizi online per accedere ai quali il cittadino dovrà dotarsi di SPID, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale, già in uso in diversi settori della Pubblica Amministrazione. In sostanza lo SPID è un sistema univoco di certificazione dell’identità dell’utente, caratterizzato da una sicurezza intrinseca in quanto non permette ad altri soggetti alcun tipo di profilazione, attraverso il quale è possibile accedere da computer, tablet e smartphone a servizi quali le prenotazioni sanitarie, le iscrizioni scolastiche, l’accesso alla rete wi-fi pubblica, le pratiche d’impresa, e via dicendo.

Per quanto riguarda il nostro Comune, lo SPID è già attivo e obbligatorio per quanto riguarda i procedimenti della Polizia Locale, e solo dotandosi di una Identità Digitale il cittadino potrà accedere online a servizi quali la richiesta di rapporto incidenti stradali e la richiesta di autorizzazione occupazione temporanea suolo pubblico. A breve il nostro Comune estenderà l’accesso tramite SPID anche ai procedimenti legati ai servizi scolastici (pre e post scuola, trasporto scolastico, iscrizioni asili nido, refezione scolastica, ISEE) e a quelli di nuova istituzione.

Per richiedere e ottenere le credenziali SPID, è possibile collegarsi al sito https://www.spid.gov.it/richiedi-spid, scegliere uno dei nove Identity provider e registrarsi sul suo sito. In alternativa all’accesso tramite SPID, è ancora consentito, per la certificazione della propria identità, l’utilizzo della CNS – Carta Nazionale dei Servizi, che però richiede ai cittadini di essere in possesso anche del lettore di smart card. Il nostro Comune rende anche noto che si sta attrezzando per mettere a disposizione dei cittadini postazioni presso alcuni uffici nelle sedi comunali che saranno abilitate al rilascio del codice PIN necessario per poter utilizzare la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e la Carta Regionale dei Servizi (CRS) anche per firmare digitalmente le pratiche da protocollare, oltre che per sfruttare appieno le potenzialità della CNS.

Un’altra informazione fornita dal Comune è che comunque lo SPID non sarà necessario per attività quali l’invio di segnalazioni in merito a buche stradali, disservizi, eccetera.

Per assistenza sullo SPID è possibile collegarsi al sito Internet predisposto dal Governo (clicca qui), che dispone anche di una sezione dove sono pubblicate le domande frequenti (clicca qui).

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese