Home Cronaca

Ancora due morti in casa di riposo, in attesa del risultato dei tamponi già effettuati

24 aprile 2020 – Come si temeva, alla Casa di riposo Gallazzi Vismara il coronavirus ha colpito duro e anche oggi sono stati registrati due decessi tra gli ospiti. Il totale da quando sono stati realizzati i tamponi è quindi arrivato a sei persone. Ad Arese, dall’inizio dell’epidemia abbiamo contato 133 infetti, 19 decessi e 23 guarigioni, due delle quali confermate proprio oggi. Nessuna nuova informazione è invece emersa sui risultati della cinquantina di tamponi effettuati nella Rsa (ne abbiamo parlato in questo articolo) di cui si attendono gli esiti.

Ecco la nota quotidiana che il sindaco Michela Palestra ha pubblicato sul sito del Comune:

Al momento il portale dei dati ATS registra due nuovi decessi alla Gallazzi Vismara tra le persone risultate positive al Covid-19. Con profonda amarezza registriamo altre perdite, altre ferite inferte da questa pandemia. A nome della Città di Arese esprimo il nostro cordoglio e la vicinanza a queste famiglie così provate dal dolore. Fortunatamente, registriamo anche due guarigioni, due persone che possono tornare all’affetto e al calore delle loro famiglie.

Ad Arese siamo arrivati a 133 persone positive al Covid-19 (tra cui 19 decessi e 23 guarigioni) dall’inizio dell’emergenza. Gli esperti di tutto il mondo concordano che a oggi l’isolamento e il distanziamento sociale siano le migliori forme di prevenzione e contenimento del virus. Ringrazio i cittadini che stanno rispettando rigorosamente le prescrizioni, uscendo solo per reali necessità e con tutti i dispositivi richiesti (mascherine, guanti ecc.).

È importante agire con prudenza e cautela anche nei prossimi mesi, anche quando i provvedimenti del Governo consentiranno la riapertura graduale di molte attività. Continuiamo a rispettare con grande senso civico le misure previste per non alzare la curva dei contagi e non avere effetti deleteri sulla salute di tutti i cittadini.

Michela Palestra, sindaco di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese