Home Cronaca

Aperto da martedì il parcheggio di Viale Marietti, all’ingresso della frazione Valera

03 luglio 2020 – Martedì 30 giugno il Comune di Arese ha aperto il parcheggio realizzato nell’ambito del nuovo parco pubblico di Viale Marietti, all’ingresso della frazione Valera. L’intervento, finanziato interamente con risorse comunali, comprende anche la realizzazione di percorsi ciclopedonali, di un tratto di marciapiede su viale Marietti e di un’area attrezzata per far giocare i bimbi più piccoli. Quest’ultima sarà aperta al pubblico non appena finiranno le restrizioni applicate a causa del Covid-19.

Questo nuovo parcheggio consente di accedere alla frazione lasciando l’auto all’esterno, in modo da non occupare spazi per la sosta in un contesto che è prettamente pedonale. 

L’assessore ai lavori pubblici Enrico Ioli e il sindaco Michela Palestra si dichiarano molto soddisfatti: “L’intervento è stato particolarmente curato per consentire la valorizzazione dei nuovi servizi per i cittadini senza compromettere la qualità paesaggistica dei luoghi. Fa parte di una serie di iniziative che porteranno a una valorizzazione della frazione, limitando il traffico automobilistico di attraversamento e liberando spazi per i residenti. Alcuni mesi fa è stato aperto un piccolo parcheggio pubblico, molto richiesto da chi vi abita. L’intervento è stato realizzato in un contesto di grande valore paesaggistico, interno al perimetro del Parco delle Groane, con il quale il progetto è stato condiviso, e vicino alla storica villa Marietti, che purtroppo oggi non è accessibile, ma che si spera in futuro possa tornare a essere un punto di interesse per attività culturali e artistiche, come è stata fino a poco tempo fa. La frazione Valera ha bisogno di servizi, per continuare a essere vissuta. La speranza è che anche il piano di riqualificazione dell’edificio, oggi demolito, su via Allende possa finalmente trovare compimento, nonostante le molte difficoltà incontrate dall’operatore privato“.

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese