Home Cronaca

Ascocen e Csbno insieme per il centro storico

29 aprile 2016 – L’Associazione dei Commercianti del Centro storico di Arese (Ascocen), tramite cinque dei suoi associati e in stretta collaborazione con il Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest (Csbno), ha deciso di partecipare al bando comunale destinato al sostegno delle microimprese per realizzare un ampio progetto di valorizzazione e innovazione del centro città. El Bar Lafus, la Vineria delle Corti, il Laboratorio Quercioli, l’Ortolano e il QuiArese TechCafé hanno presentato questa mattina la richiesta di contributo. L’obiettivo è quello di lavorare alla realizzazione di un cosiddetto “centro commerciale naturale” che parte dalla piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa e arriva fino a via Vismara. Per riuscirci, il consorzio bibliotecario ha messo a punto cinque progetti che riguardano altrettante azioni operative: creazione di un’identità unitaria del centro commerciale naturale, messa a punto dell’immagine e degli strumenti di comunicazione, creazione dei servizi di rete, promozione, realizzazione degli strumenti di gestione che dovranno essere adottati dopo la fase di avvio.

Ognuna di queste azioni comprende attività specifiche. Nella prima fase verranno coinvolti non solo i cinque operatori che hanno presentato la domanda di contributo, ma tutti i commercianti del centro storico. L’obiettivo è quello di definire l’identità del territorio e formare i partecipanti trasmettendogli l’importanza e il valore della rete. A seguire, verranno realizzate l’immagine coordinata (logo, grafiche, colori) e un portale Internet per far conoscere il centro commerciale naturale. Contemporaneamente verrà effettuata la formazione sugli operatori locali per approcciare il settore del commercio elettronico.

Nella terza fase saranno definiti i servizi veri e propri. Si parla in questo caso di una rete Wi-Fi gratuita accessibile da tutto il centro storico, di una carta fedeltà comune a tutti i negozianti dell’area,  della possibilità di effettuare consegne a domicilio. La formazione dei commercianti continuerà parlando di web marketing.

Poi, per le attività di promozione, si lavorerà a un programma di eventi di animazione sul territorio. Infine, nella quinta e ultima fase, si passerà alla definizione delle modalità di gestione e del budget necessari a garantire la sostenibilità nel tempo del centro commerciale naturale.

L’intero progetto ha un valore complessivo di centocinquantamila euro e, se accettato e finanziato dal Comune con i fondi derivanti dall’Accordo di Programma dell’area ex Alfa Romeo, verrà realizzato nel giro di un anno. La parte operativa vera e propria sarà gestita dal consorzio bibliotecario, che da parte sua contribuisce per metà della cifra, quindi 75mila euro, attraverso il co-finanziamento.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese