Home Cronaca

Augurusa: questo AdP non lo firmiamo

19 marzo 2012 – Domani in Regione Lombardia ci sarà una tappa fondamentale del percorso che porterà alla definizione del nuovo Accodo di Programma per l’area ex Alfa e cioè la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) che approfondirà le osservazioni nel frattempo giunte dal territorio. L’obiettivo dichiarato di Regione Lombardia è quello di chiudere l’iter dell’AdP entro il 30 settembre, riparametrandolo, dopo l’uscita di Rho e Garbagnate, sui soli comuni di Arese e Lainate. Una scelta che viene contestata dal centrosinistra aresino che ha fatto pervenire a Regione Lombardia due osservazioni, una di merito e cioè il no alla tangenzialina e una di metodo, con la richiesta di proroga dei tempi.

“Riteniamo indispensabile – spiega il candidato del centrosinistra Giuseppe Augurusa – affrontare in primo luogo la questione della viabilità. La nostra proposta, chiara e univoca, è quella di eliminare la cosiddetta tangenzialina dal progetto. È un’opera inutile e dannosa, che impedisce una serena riflessione sui contenuti dell’AdP. Coerentemente con quanto abbiamo proposto fin dal settembre 2009 con un’interrogazione al Consiglio Comunale, il progetto esecutivo dell’Autostrada dei Laghi – con spostamento a nord del casello e implementazione della quinta corsia – consente di utilizzare la stessa come via di collegamento al sito dell’ex Area Alfa, rendendo dunque superflua la cosiddetta tangenzialina che, com’è noto, passerebbe a pochi metri da alcune abitazioni. Chiediamo quindi la cancellazione di tale opera. I risparmi conseguenti potrebbero essere investiti a copertura di quota parte del trasporto pubblico locale”.

La richiesta di metodo avanzata dal centrosinistra riguarda invece l’opportunità di procedere a un accordo coinvolgendo due soli dei quattro comuni interessati, uno dei quali, Arese, sarà per giunta rappresentato non da esponenti legittimati dal voto dei cittadini ma da un commissario prefettizio. La proroga dei tempi permetterebbe probabilmente di recuperare all’AdP i comuni di Garbagnate, anch’esso commissariato e al voto a maggio, e di Rho, che da poco ha una nuova giunta. A questo proposito Augurusa dice: “Chiediamo a Regione Lombardia una proroga dei tempi, oltre il 30 settembre, almeno fino al termine del 2012. Tale rinvio consentirebbe alle nuove Amministrazioni di Arese e Garbagnate di potersi sedere ad un tavolo per discutere le esigenze del territorio cosa che, diversamente, non sarebbe possibile. Se l’accordo rimarrà tale, infatti, noi ci dichiareremo ancora una volta contro il progetto. È una linea di perfetta coerenza con quanto dimostrato in passato dal centro-sinistra di Arese. Si tratta di un punto prioritario per discutere l’intero contenuto del progetto di riqualificazione dei 2,38 milioni di metri quadrati, che abbiamo già dichiarato in febbraio insieme al sindaco di Rho e al candidato sindaco del centrosinistra di Garbagnate”.

Quest’ultima richiesta del centrosinistra è peraltro condivisa da molti e sembrerebbe oggettivamente il modo più sensato di procedere. Non è infatti pensabile che decisioni che trasformeranno profondamente il territorio possano essere prese passando sopra le teste dei cittadini che quel territorio lo abitano, approntando un AdP che esclude due comuni su quattro e con un terzo, il nostro, rappresentato da un commissario che di certo non conosce a fondo le peculiarità e i desiderata di Arese. Desiderata che agli aresini sono chiari, visto che in 4.000 hanno firmato il documento del Movimento Difendiamo Arese che, proprio per questa ragione, è stato chiamato al tavolo ma che, dai primi approcci avuti, ha lamentato la scarsa considerazione che sembra avere Regione Lombardia per quanto espresso dagli aresini. Senza considerare che il centrosinistra ha già ufficializzato che, in caso di vittoria alle elezioni, non sottoscriverà un Accordo di Programma nato in questa maniera, posizione che potrebbe essere condivisa anche dalle altre forze politiche che parteciperanno alle prossime elezioni. Dopo tanti rinvii, siamo sicuri che sarebbe un dramma aspettare ancora qualche mese?

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese