Home Cronaca

Casa: con Expo arrivano le locazioni brevi

27 febbraio 2015 – Novità in vista per chi ad Arese possiede una seconda casa, che potrebbe vedere semplificate le procedure per affittarla, anche per brevi periodi di tempo. L’iniziativa nasce dalla firma di un protocollo d’intesa tra il Comune di Milano da una parte e Confcommercio e la sua aderente Fimaa Milano, Monza e Brianza dall’altra, e si inserisce nel contesto delle iniziative volte a migliorare le capacità di accoglienza per i visitatori di Expo. Al protocollo ha successivamente aderito anche il Comune di Arese, estendendone quindi gli effetti alla nostra città. In sostanza nei Comuni sottoscrittori del protocollo sarà possibile affittare case non più esclusivamente con i classici contratti a lungo termine ma anche per brevi periodi, che possono andare dai pochi giorni alle settimane. Prima della sottoscrizione di questa intesa, ciò non era possibile, perché a Milano e nella sua area non era applicabile il contratto abitativo turistico, che è appunto quello che permette di locare un immobile anche per brevi periodi.

Le locazioni “brevi” saranno gestite dalle agenzie immobiliari aderenti a Fimaa, che oltre al semplice contratto di locazione offriranno ai visitatori anche una serie di informazioni utili per chi deve vivere su un territorio che non conosce. E’ infatti previsto che vengano siglate convenzioni per una serie di servizi accessori, quali le lavanderie, le pulizie, il baby sitting, la ristorazione e l’interpretariato e le guide turistiche. Ai proprietari di case non arredate verrà anche offerta la possibilità di affittare, tramite l’agenzia immobiliare, i mobili per il periodo durante il quale queste saranno affidate all’agenzia stessa, in maniera tale da renderle fruibili senza di fatto dover gestire in prima persona la parte organizzativa e logistica dell’operazione.

“La firma di questo protocollo – ha spiegato l’assessore alla Sicurezza e vigilanza, Roberta Tellini – ci permetterà di approcciare anche questo tipo di locazioni in maniera regolare e regolarizzata, sapendo quindi anche chi si stabilirà sul nostro territorio per brevi periodi di tempo e al di fuori dei normali canali della ricettività. Attraverso una rete di professionalità che permetterà anche di abbattere il mercato nero”. Dal canto suo il sindaco ha sottolineato come il protocollo permetterà di offrire garanzie a entrambe le parti: “Questa operazione – ha spiegato Michela Palestra – ci permetterà di intercettare anche chi da lontano viene a visitare Expo, che potrà così rivolgersi ad agenzie accreditate per trovare un appartamento in zona. E che oltre all’appartamento si vedrà mettere a disposizione un pacchetto completo di opzioni per accedere a tutti i servizi dei quali potrebbe avere bisogno durante la sua permanenza su un territorio che presumibilmente non conosce. La firma del protocollo offre quindi tutela sia a chi prenderà una casa in affitto, sia a chi la affitterà con dei contratti studiati su misura per questo tipo di locazioni”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese