Home Cronaca

Centro commerciale: colloqui entro l’estate

10 giugno 2014 – Poco meno di tre mesi fa era stato lanciato il portale dell’Arese Shopping Center, il complesso commerciale che sorgerà all’interno dell’area ex Alfa, al quale i cittadini di Arese e Lainate potevano inviare le proprie candidature per i nuovi posti di lavoro che si renderanno disponibili al suo interno e che l’Accordo di Programma riserva ai cittadini di questi due Comuni (leggi qui). In questi giorni l’amministrazione comunale ha ricevuto da Tea i primi dati relativi alle candidature pervenute, sia per quanto riguarda le candidature spontanee che per la richiesta di spazi commerciali all’interno del centro commerciale. Complessivamente i curriculum a oggi presentati, allo Sportello Lavoro, via fax o al sito dell’Arese Sopping Center, sono stati 450, mentre 9 sono le richieste di spazi commerciali pervenute da parte di titolari di attività commerciali già presenti ad Arese.

Tea ha reso noto di avere comunicato direttamente agli interessati che una prima selezione, sulla base dei profili richiesti, avrà inizio alla fine dell’estate. I colloqui, su richiesta dell’amministrazione comunale, si terranno presso lo Sportello Lavoro del Municipio di via Roma 2. Gli incontri con chi ha richiesto uno spazio commerciale saranno, invece, definiti entro il prossimo mese di ottobre.

“L’alto numero di richieste di lavoro – commenta l’assessore alle Politiche del lavoro Giuseppe Augurusa – conferma, se mai vi fosse ancora qualche dubbio, quanto la crisi profonda che attraversa il nostro Paese dal 2008 non ci abbia risparmiati. Sappiamo che intorno a questa vicenda crescono, al contempo, timori e aspettative: d’impatto sulla città i primi, di occasioni di nuova occupazione i secondi. L’Amministrazione non può che vigilare affinché gli impegni assunti vengano rispettati fino in fondo. Restiamo tuttavia convinti che le prospettive future dell’occupazione stabile e qualificata passino anche attraverso un nuovo disegno dell’insieme dell’area, tema su cui stiamo intensamente lavorando”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese