Home Cronaca

Le conferenze Uniter “entrano” nel carcere di Bollate

15 aprile 2016 – “Un altro carcere è possibile” è il titolo della conferenza Uniter del prossimo giovedì 21 aprile farà conoscere la II Casa di reclusione di Milano-Bollate, che si è caratterizzata come istituto all’avanguardia per le modalità di trattamento dei detenuti e la loro responsabilizzazione sotto diversi aspetti, mirando al futuro reinserimento sociale con opportunità lavorative, attivate con percorsi individuali. Un altro punto di forza di questo carcere è l’interazione con la comunità territoriale in tutte le sue forme (istituzioni pubbliche, imprenditoria, terzo settore), sia come apertura al territorio sia come risorsa per la collettività.

Catia Bianchi svolge il compito di educatrice da 22 anni e da dieci lavora al Carcere di Bollate dove, oltre a coordinare il reparto femminile e seguire le donne ammesse al lavoro all’esterno, si occupa dell’organizzazione delle attività culturali dell’Istituto.

La conferenza si terrà come di consueto presso l’auditorium Aldo Moro, con orario di inizio fissato per le 15.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese