Home Cronaca

Covid-19, gli aggiornamenti: 54 contagiati, 6 morti, proroga delle chiusure e ricetta elettronica

3 aprile 2020 – In Lombardia da qualche giorno la crescita dei nuovi contagi ha finalmente rallentato. Arese è invece in controtendenza, con il numero totale di contagiati dall’inizio dell’epidemia che è arrivato a 54, con sei decessi. Le guarigioni sono ferme a tre.

Il Comune intanto ha prorogato fino al 15 aprile la chiusura della piattaforma ecologica e fino al 13 aprile quella dei cimiteri, insieme alla sospensione del mercato settimanale. Sul sito viene anche ricordato che in Lombardia è stato attivato un servizio che consente di ottenere il Numero Ricetta Elettronico (NRE) delle ricette per la prescrizione di farmaci direttamente tramite SMS.

Grazie a questo provvedimento, non è più necessario andare dal medico per la prescrizione delle ricette e il rilascio del promemoria cartaceo: basta contattarlo telefonicamente, farsi prescrivere i farmaci da remoto e recarsi in farmacia per il ritiro con il codice NRE ricevuto sul telefono e la tessera sanitaria. Per attivare il servizio, attivo fino al termine dell’emergenza Coronavirus, bisogna andare all’indirizzo www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it e inserire codice fiscale, ultime cinque cifre della tessera sanitaria e numero di cellulare. In caso di difficoltà ci si può far aiutare dal proprio medico di base.

Come di consueto, il sindaco Michela Palestra ha mandato un messaggio sul sito del Comune:

Da quanto emerge dai dati resi noti da ATS, dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad Arese siamo arrivati a 54 persone positive al Covid-19 (tra cui 6 decessi e 3 guarigioni) dall’inizio dell’emergenza. Il numero apparentemente stabile della giornata di ieri, quindi, non era realistico, verosimilmente il portale di accesso ai dati non è stato aggiornato per ragioni tecniche.

Ai contagiati, si aggiunge un’altra perdita. In questo triste momento, ci stringiamo alla famiglia, a cui esprimo il mio cordoglio e quello della Città di Arese. Come abbiamo detto in altre occasioni, sappiamo che l’attuale situazione sta mettendo a dura prova la tenuta emotiva di tutti noi! Talvolta è difficile essere consapevoli di aver bisogno di aiuto.

L’ansia, la depressione, il senso di inadeguatezza potrebbero accompagnarci anche temporaneamente, in particolari condizioni di stress, (come ora), ma una presa di coscienza del nostro disagio e un sostegno psicologico potrebbero essere risolutivi. ll Comune di Arese, in collaborazione con la Misericordia Arese, ha messo a punto una serie di servizi a supporto delle persone che sono in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria.

Per le persone con più di 65 anni, sole senza rete di parenti, con patologie, in quarantena o in isolamento o in grave difficoltà per le necessità primarie, è possibile chiamare il numero 379 1909759, tutti i giorni h24. A questo numero rispondono i volontari della Misericordia che raccolgono le richieste di supporto. Allo stesso numero 379 1909759 è anche possibile chiedere un sostegno psicologico.

Per chi si sente disorientato e non sa come affrontare questi giorni di isolamento o semplicemente ha bisogno di chiacchierare con qualcuno, perché si sente solo, è possibile chiamare il numero 344 0488729, da lunedì a sabato dalle 10.00 alle 13.00. Non sottovalutate l’importanza di un supporto morale in un periodo difficile come questo.

Le persone che rispondono a entrambi i numeri saranno in grado, se necessario, di mettervi in contatto con un team di psicologi, persone preparate che hanno risposto al nostro appello e si sono messe a disposizione per offrire un supporto psicologico e per non lasciare sole le persone che si sentono colpite o esposte all’emergenza traumatica.

Continuiamo a rispettare tutte le disposizioni, restiamo a casa e adottiamo comportamenti intelligenti e responsabili. Facciamolo per noi stessi, per le nostre famiglie, per la comunità.

Michela Palestra, Sindaco di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese