Home Cronaca

CSGA: ecco perché domani manifestiamo

14 ottobre 2011 – Come noto, domani mattina si terrà la manifestazione “Tutti a casa” organizzata dal Comitato Spontaneo Genitori di Arese (CSGA) alla quale hanno aderito tutti i partiti di opposizione e le associazioni Un forum per la città e Arese Futuro. I numerosi appoggi ricevuti e l’ampia eco che ha avuto l’iniziativa sono forse andati al di là di quelle che erano le stesse aspettative del CSGA, che alla vigilia della manifestazione interviene tramite il suo portavoce Luigi Muratori per fare un po’ di ordine e sgomberare il campo da strumentalizzazioni ed equivoci. “Credo – dice Muratori – che anche questa volta si è persa l’occasione di parlare dei problemi reali della Città, confondendo, tra l’altro, ciò che la legge consente, con ciò che la morale impone. Vogliamo immediatamente chiarire la nostra posizione sulla questione del sindaco Fornaro e dei suoi arresti domiciliari: il Comitato Spontaneo dei Genitori di Arese non vuole cavalcare i guai giudiziari del sindaco. Già tempo prima, il CSGA si era confrontato con Fornaro contestando la mala gestio del Centro Sportivo e rilevando le anomalie della fondazione FACS. Non vogliamo parlare d’altro, nė abbiamo intenzione di rispondere ai vari imbonitori succedutisi in questi giorni sulla stampa; a noi preme riportare l’attenzione sui fatti accaduti in questa città, i quali rimangono incontrovertibili e di cui nessuno di questa giunta ci ha mai dato conto”.

Quali sono quindi questi fatti? “I fatti – prosegue Muratori – sono che il centro sportivo Davide Ancilotto, è stato polverizzato da una gestione fallimentare e sono stati perseguiti interessi diversi da quelli cari ai cittadini; i fatti sono la cosiddetta truffa del gas; i fatti sono che spesso il comune ha fatto bandi di gara ad agosto, ricordate? i cosìddetti “bandi balneari” e non aggiungo altro; i fatti sono che successivamente all’arresto del sindaco, l’UDC e ciò che rimaneva del PDL, invece di tranquillizzare i cittadini disorientati, si preoccupavano solo dei terreni di proprietà di un familiare del signor Perferi. E l’elenco potrebbe continuare. Chi sostiene quindi oggi, di voler mantenere in piedi questa giunta comunale, quale nobile atto di responsabilità, per continuare ad amministrare in continuità il comune di Arese, non ha ancora capito che è proprio questo il nostro timore! Ed anche quello di tutti i cittadini di Arese che parteciperanno alla manifestazione del 15 ottobre alle ritrovandosi alle dieci davanti al comune”. Qual’è quindi il ruolo e quali le finalità del CSGA? “Forse ė più facile comprenderla così, ci sentiamo come i proprietari laboriosi di una fattoria, che dopo aver assunto un fattore per la gestione del loro patrimonio e delle loro strutture, si ritrovano con il pollaio vuoto e pieni di debiti, poco importa capire se il fattore sia colluso con i ladri di polli, il fatto sta che noi il danno l’abbiamo subito, sia stato dolo, colpa o incapacità. Questa giunta ė responsabile per questa malaugurata gestione, incapace di gestire nell’interesse dei proprietari della fattoria, facendo mancare completamente il rapporto fiduciario tra la proprietà, il fattore e tutta la sua famiglia”.

La conclusione di Muratori è ironica e punta ancora il dito contro l’attuale maggioranza: “Per dire la verità, due cose veramente eccezionali questa maggioranza ė riuscita a farle: una è stata quella di far vincere ex post le elezioni all’UDC e l’altra, un fatto credo senza precedenti nel panorama nazionale, è stata di fare andare unita in piazza tutta la società civile compresi PD, Lega, parte del PDL, Grillini e forse pure il parroco! Certo per noi del CSGA, ė una grande soddisfazione riuscire a ricongiungere pacificamente la società civile, che ancor più civilmente si presenterà senza bandiere di partito. Ai nostri attuali amministratori dico che sono ancora in tempo per decidere da che parte stare”.