Home Cronaca

CSGA: nel mirino ora c’è la politica

30 settembre 2011 – Sulle recenti vicende che hanno coinvolto la nostra città interviene anche il Comitato Spontaneo dei Genitori di Arese (CSGA) tramite il suo portavoce Luigi Muratori (a destra nella foto). Come forse si ricorderà, il CSGA si era costituito prima dell’estate raccogliendo circa settecento firme in calce a una petizione relativa alla gestione del Centro Sportivo Davide Ancilotto (leggi qui). Il CSGA aveva poi continuato la sua opera, sempre avendo il centro sportivo come soggetto, avanzando la candidatura di quattro suoi membri per il consiglio direttivo di FACS (leggi qui). E oggi il comitato torna a far sentire la sua voce annunciando, tra le altre cose, una manifestazione di protesta per il prossimo sabato 15 ottobre. “Dopo le disavventure del centro sportivo – dice Muratori – dove in un attimo si è voluto cancellare una comunità sportiva, che è emigrata nei comuni limitrofi, con danni economici e sociali per tante famiglie aresine, sono arrivati anche gli arresti domiciliari del sindaco Gianluigi Fornaro. Nessuno credo glielo abbia mai augurato, anzi il nostro comitato gli è umanamente vicino, ma chi di voi non ha subito almeno una telefonata da un parente o da un amico che con un sorrisino vi domandava: Ma ti hanno arrestato il sindaco?”.

“Chi di questa giunta – prosegue Muratori – si è mai preoccupato di tranquillizzare quei cittadini aresini che si sono trovati con un contratto del gas tra le mani e non sanno ancora se sono stati truffati oppure no? Al contrario si sono invece preoccupati di approvare velocemente il Programma Integrato d’Intervento aree via Senato e viale Alfa Romeo in variante al PRG”. Che fiducia possono avere ancora gli abitanti di Arese in questa amministrazione?”. Una dichiarazione questa che fa intuire come il CSGA stia ampliando il tiro aggiungendo a quello del centro sportivo altri obiettivi. Con l’attuale situazione politica nel mirino. “Il problema – sostiene Muratori – ormai non è più solo la posizione giudiziaria del sindaco, che noi per primi ci auguriamo venga chiarita. Il problema è fino a quando questa giunta così composta ritiene di avere il diritto di presiedere un consiglio comunale, stante la totale sfiducia dei suoi concittadini. Purtroppo, al contrario, in questi giorni, si è assistito al solito teatrino, dove i numeri contano di più dei sentimenti dei cittadini, e nonostante partiti e assessori della maggioranza a uno a uno si siano a mano a mano defilati, sfiduciando loro per primi l’attuale giunta, i restanti membri continuano a rimanere attaccati alla loro poltrona”.

Sentimenti dei cittadini che sarà probabilmente possibile misurare direttamente con l’appoggio che i questi daranno alla nuova iniziativa del CSGA: “Il Comitato Spontaneo dei Genitori di Arese – conclude Muratori – ritiene matura la volontà di manifestare la propria sfiducia a questa giunta comunale, con la richiesta a ognuno dei suoi restanti membri, di rassegnare, quale atto di responsabilità, le proprie dimissioni per concorrere allo scioglimento di questo consiglio comunale ed andare a libere elezioni. E per manifestare questa volontà abbiamo organizzato la manifestazione di protesta Tutti a casa che si terrà sabato 15 ottobre alle ore 10,00 e alla quale invitiamo tutti i cittadini di Arese a intervenire personalmente per manifestare pacificamente la loro sfiducia a questa amministrazione. Chiediamo inoltre a tutte le associazioni, i comitati e i partiti presenti sul nostro territorio di aderire pubblicamente a questa iniziativa, che deve rimanere indipendente ed apartitica”.