Home Cronaca

Da Gesem una lettera aperta ai candidarti

20 marzo 2012 – Pubblichiamo questa lettera aperta che Bartolomeo Zoccoli, direttore generale di Gesem, invia alle forze politiche che si presenteranno alle elezioni amministrative dei prossimi 6 e 7 maggio. Zoccoli chiede rispetto per la sua società e le persone che vi lavorano, e auspica che i recenti fatti di cronaca che hanno coinvolto SMG, in realtà come parte lesa, non siano strumentalizzati a fini elettorali. Il direttore generale di Gesem, infine, invita i candidati sindaco a un incontro che possa servire a mostrare loro come lavora e come è organizzata la società. Che, è bene ricordarlo, è a tutti gli effetti una partecipata del Comune di Arese e quindi, in definitiva, un patrimonio di tutti gli aresini.

Egregio direttore,
non è mia abitudine intervenire nel dibattito politico – figurarsi in campagna elettorale – ma ancora una volta, e solamente a difesa dell’immagine della Società che dirigo, mi vedo costretto dalle circostanze a chiedere spazio sulla sua testata che si è mostrata essere una delle voci più autorevoli nell’attuale panorama informativo. Le esprimo la mia amarezza per la lettura di alcune frasi (che ho sottoposto all’attenzione dei nostri avvocati) riportate in una newsletter. Riporto fedelmente la frase che è apparsa ultimamente  “riporteremo trasparenza nella gestione degli enti e della partecipate che sono state utilizzate come stratagemma per esternalizzare servizi e sfuggire ai vincoli e alle regole della pubblica amministrazione”. Poiché una delle partecipate del Comune è la Gesem e poiché la frase riportate è alquanto grave, chiedo, a chi ha scritto tale frase di fornire prove oggettive di quanto in essa viene affermato. In caso contrario gradirei una pubblica smentita. Vorrei ricordare a tutti che la nostra Società – in particolare SMG – ha già dovuto subire una dura campagna diffamatoria. Pur in presenza di una chiara situazione  – fin dalle prime notizie – che vedeva la nostra Società quale parte lesa nella cosiddetta “truffa del gas”, alcune testate giornalistiche locali (ma non solo), per scopi che andrebbero approfonditi, hanno continuato a mestare nel fango e a far passare agli ignari lettori il messaggio che la Società avrebbe deliberatamente gonfiate le bollette. Cosa lontanissima dalla realtà.

Le conseguenze di tale diffamatoria campagna sono state la diminuzione del gas venduto e il mancato aumento dei clienti serviti; causando alla stessa delle ingenti perdite patrimoniali delle quali (prima o poi) qualcuno sarà chiamato a risponderne. Vogliamo ancora continuare in tale modo? Mi sarei aspettato più attenzione. Gesem è fatta di persone oneste e corrette che ogni giorno, con lo spirito giusto, si impegnano nel proprio lavoro al servizio dei cittadini. Nessuno, credo, può  contestare il fatto che da quando alcuni servizi sono gestiti da Gesem, essi siano migliorati e i risultati ottenuti più che soddisfacenti per la cittadinanza. Tutti hanno sotto gli occhi come la nostra città sia diventata più pulita, più attenta alla raccolta differenziata e come negli ultimi cinque anni (pur in presenza di un aumento continuo dei costi) le tariffe della TIA si siano mantenute ferme e che addirittura per il 2012 saranno in calo. Chiedo, quindi, e con molta umiltà, di lasciare fuori dalla campagna elettorale la Gesem, società partecipata che funziona bene, e di concentrarsi, invece, sulle effettive questioni locali, ancora irrisolte. Credo fermamente che anche per il futuro – qualsiasi sarà il colore della prossima amministrazione – Gesem potrà continuare a essere una risorsa per la Comunità Aresina e potrà essere utilizzata – ai sensi delle nuove norme sulle Società Partecipate – anche per risolvere problematiche che sono di stretta attualità. Per concludere vorrei lanciare a tutti i candidati Sindaci un invito: venite ad incontrarci. Venite a sentire direttamente da noi come siamo organizzati, quali procedure abbiamo adottato e come intendiamo ancora migliorare i servizi che diamo ai nostri/vostri cittadini. Vi aspetto.

Bartolomeo Zoccoli
Direttore Generale Gesem

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese