Home Cronaca

Definito contributo Coop pro-terremotati

10 settembre 2012 – Il consiglio di amministrazione della Coop di Arese, che si è riunito nei giorni scorsi, ha deliberato la destinazione di quanto ricavato dalle vendite di prodotti effettuate a sostegno delle popolazioni di Emilia e Lombardia colpite dal sisma dello scorso mese di maggio. Con prima iniziativa, quella relativa alla vendita di parmigiano reggiano e finalizzata al sostegno delle attività produttive nell’area del terremoto, sono state vendute 250 confezioni da 800 grammi di formaggio, e il contributo aresino, inviato tramite Coop Italia ai caseifici terremotati è stato pari a 200 euro. Ha riscosso un ottimo successo anche l’iniziativa legata alla vendita del prosciutto crudo Galloni di Langhirano (Pr) che prevedeva il regalo di un melone proveniente dalla bassa mantovana e dall’alto modenese a ogni cliente che lo avesse acquistato. Le vendite di prosciutto sono saliti dai soliti 150 chili a 200 chili e i clienti hanno avuto in omaggio 500 chili di meloni.

Oltre alla partecipazione all’iniziativa di Coop Italia, la Coop di Arese aveva anche deciso di stanziare un proprio contributo diretto a favore delle popolazioni compite dal sisma, contributo che il consiglio di amministrazione ha definito in altri 200 euro. La cifra verrà affidata, seguendo l’indicazione data a suo tempo dall’amministrazione comunale, all’Associazione Nazionale Alpini. “Purtroppo – commenta il presidente della Coop di Arese Achille Vegetti – la nostra idea di raccogliere i contributi con gli altri esercizi commerciali che avevano pensato a iniziative di questo, destinandole al finanziamento di un restauro di un’opera d’arte nel mantovano, non ha trovato nessun adesione. Non comparirà quindi da nessuna parte che Arese ha contribuito al restauro di un opera d’arte danneggiata”. Per il mese di settembre la Coop di Arese ha presentato, infine, una nuova iniziativa: tutti i venerdì, a partire dalle 16,30, verranno proposti il pane di Altamura e il pane siciliano appena sfornati. L’iniziativa è partita lo scorso venerdì 6 e ha riscontrato un alto gradimento da parte dei clienti, con tutto il pane che è andato esaurito.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.