Home Cronaca

Difendiamo Arese scrive al commissario

29 dicembre 2011 – La voce del Comitato Difendiamo Arese torna a farsi sentire. Con una lettera indirizzata all’attenzione del commissario straordinario del Comune di Arese, Emilio Chiodi, il Comitato ha voluto sottolineare l’importanza del tema Accordo di Programma per l’area ex Alfa Romeo. Ecco la lettera.

Egregio Commissario, in occasione dei nuovi importanti appuntamenti in tema di nuovi assetti per l’area ex Alfa che vedono coinvolti tutti i Comuni della zona, vogliamo farle conoscere l’opinione di 4.000 cittadini aresini. Dopo l’Adp Alfa Romeo proposto nel novembre 2009 dalla Regione Lombardia, che prevedeva la realizzazione di un mega centro commerciale, un’ampia area residenziale, una viabilità dall’impatto estremamente negativo sul territorio (con un’inutile tangenzialina che lambisce il centro abitato di Arese), un mega parcheggio in zona agricola, ma soprattutto la cancellazione della vocazione industriale da gran parte dell’area, circa 4.000 cittadini di Arese hanno firmato una petizione a suo tempo presentata al Sindaco di Arese il 16 gennaio 2010 (e per conoscenza a quelli di Rho, Lainate e Garbagnate), che vogliamo farle conoscere (clicca qui per vederne il testo).

Questo perché nonostante le 4.000 firme contro la tangenzialina e a favore di un trasporto pubblico su rotaia, nonostante le osservazioni fatte dal Comitato Difendiamo Arese alla Valutazione Ambientale Strategica (Vas) dell’Adp Alfa Romeo, e alla Valutazione di Impatto Ambientale (Via) del centro commerciale proposto da Aglar Spa, nonostante le ulteriori osservazioni del Comitato al Rapporto di impatto per la compatibilità commerciale, temiamo (come accaduto in passato) che il progetto ancora una volta riparta e prosegua senza tener minimamente conto delle tante e motivate obiezioni degli abitanti della zona, con l’ulteriore rischio della “riperimentrazione” che, cedendo al  frazionamento della progettazione sull’area in base ai confini comunali, annullerebbe di fatto la possibilità di un disegno unitario e complessivo utile a una ricaduta positiva per il futuro anche a lungo termine di tutto il territorio.

Per questo il Comitato Difendiamo Arese chiede che ai nuovi tavoli di discussione venga tenuta in considerazione la voce dei cittadini, e vengano convocati i loro rappresentanti, come delineato anche nella delibera regionale del 29 dicembre 2010.

Dott.ssa Sara Belluzzo
Comitato Difendiamo Arese
Comitato per la difesa dell’ambiente in cui viviamo

Per informazioni: www.difendiamoarese.it tel. 349 42 73 372

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese