Home Cronaca

Domenica scorsa conferenza su Pompei ed Ercolano

19 marzo 2018 – Domenica scorsa al Centro Civico Agorà si è tenuta una conferenza relativa alle città di Pompei ed Ercolano, divenute tristemente famose a causa del destino a cui sono andate incontro. Ma come sono veramente andate le cose? Il più noto vulcano della Campania, ovvero il Vesuvio (considerato allora come una comune montagna) vedeva sorgere alle sue pendici alcuni centri abitati, i cui abitanti erano totalmente ignari dell’incombente pericolo.

Cosi è stato fino al 24 agosto del 79 d.C., quando tutta la Campania fu scossa da un terribile evento: l’eruzione del Vesuvio, la quale in circa 20 ore portò alla completa distruzione di Pompei; strade ed edifici vennero interamente coperti da diversi metri di materiale vulcanico, e con loro ogni essere vivente all’interno della città. Dopo appena 12 ore la medesima sorte toccò ad Ercolano e ai paesi intorno: una vera tragedia.

Nonostante ciò le rovine di Pompei si rivelarono una delle migliori testimonianze dell’antico mondo romano, essendo anche la città meglio conservata di quei tempi. Tramite infatti l’ingente quantità di reperti trovati è stato possibile ricostruire quasi alla perfezione la vita quotidiana dei romani, nonché le loro forme di arte e costumi. Attualmente Pompei è definibile come uno dei siti archeologici più proficui e visitati di sempre.

Servizio di Mattia Ambruosi e Andrea Bellasio

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese