Home Cronaca

Dopo 34 contagi arriva il rischio truffa: attenzione ai falsi avvisi

29 marzo 2020 – Mentre la triste contabilità da Covid-19 segna il trentaquattresimo contagiato aresino, anche qui in città l’amministrazione invita a porre attenzione ai tentativi di truffa. Pare infatti che siano comparsi su cancelli e ingressi diversi avvisi che invitano a lasciare la casa se non vi si ha la residenza. Il Comune sottolinea che nessuno delle forze dell’ordine o di ATS sta chiedendo di lasciare le abitazioni in cui si ci si trova. Al contrario: l’invito è sempre quello di rimaner a casa.

Nessuno è poi autorizzato a effettuare tamponi a domicilio ed eventuali messaggi di posta elettronica o comunicazioni su Facebook che dovessero richiedere dati personali vanno cestinati: né il Comune né altri soggetti stanno avanzando queste richieste. Se si dovesse essere contattati con inviti a uscire di casa, per effettuare tamponi a domicilio o indicazioni simili, in contrasto con le limitazioni vigenti, bisogna avvisare immediatamente le forze dell’ordine al numero 02 9380880.

Ecco il messaggio quotidiano del sindaco, Michela Palestra:

L’aggiornamento odierno sull’evoluzione dei contagi ad Arese registra 34 persone contagiate dall’inizio dell’emergenza (tra cui 4 decessi e 2 guarigioni). È un momento difficile per tutti, ma vi invito nuovamente a seguire le norme che servono a tutelare noi, la nostra famiglia, i nostri amici, le persone che si stanno adoperando per garantire a tutti i servizi essenziali.

Ieri abbiamo assistito a un grande esempio di solidarietà tra popoli e nazioni col primo ministro albanese che ha ricordato che non si abbandonano gli amici in difficoltà e che oggi siamo tutti italiani: tutti insieme dobbiamo vincere questa guerra contro un nemico invisibile. Anche il Presidente francese ha manifestato la propria vicinanza all’Italia chiedendo all’Europa di essere solidale nella crisi sanitaria più imponente della storia europea.

Dobbiamo agire con responsabilità, farci garanti del rispetto delle disposizioni, aiutarci e sostenerci come comunità. Insieme ce la faremo.

Michela Palestra, Sindaca di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese