Home Cronaca

Eventi biblioteca: il Comune vuole farli gestire a un’associazione

25 ottobre 2018 – Il Comune è alla ricerca di persone che su base volontaria si assumano la responsabilità di organizzare e gestire gli eventi che si tengono in biblioteca. “A quasi due anni dall’inaugurazione – premettono dall’amministrazione – il Centro civico Agorà rappresenta una delle principali cornici per ospitare iniziative ed eventi. Sono numerose, infatti, le attività che vengono organizzate non solo dal Comune, ma anche da associazioni musicali e teatrali. Un ventaglio di offerte che richiede anche un grande sforzo di risorse umane per garantirne l’apertura sette giorni su sette, l’organizzazione, la gestione della parte amministrativa che inevitabilmente è richiesta per ogni attività”.

Su queste basi, e probabilmente partendo dalla considerazione che la macchina comunale non ha le risorse di tempo necessarie per occuparsi organicamente di questo, “il Comune è alla ricerca di volontari, che possano dar vita a un’associazione a supporto delle varie attività e fare esprimere al Centro civico tutte le sue potenzialità”, specificando che si tratterebbe di un lavoro prestato su base gratuita e assumendosi la responsabilità degli eventi che andrebbe a organizzare e gestire.

Quello che il Comune cerca sono dunque “persone che abbiano il desiderio di mettere a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità, in modo gratuito, per collaborare a dare una risposta ai bisogni culturali e aggregativi della nostra città”. Per fare questo viene richiesto che gli interessati si costituiscano in un’associazione, con propria personalità giuridica ed economica, che “consentirebbe di riunire le varie forme di volontariato in un’unica realtà, in grado di intraprendere azioni con una propria responsabilità, proporre e realizzare iniziative, organizzare eventi, richiedere finanziamenti, collaborare in maniera generosa alle attività del Centro civico Agorà, che nel corso di questi quasi 2 anni si è mostrato una vera e propria ‘piazza’ culturale e aggregativa”.

Le persone interessate potranno inviare una mail a [email protected] fino al 30 novembre 2018, scrivendo il proprio nome e cognome e l’età e, se lo desiderassero, anche anticipando il nome che intendono dare alla futura associazione.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese