Home Cronaca

Finanziati nove progetti web per Under 30

12 aprile 2016 – Questa sera, alle ore 21.00 presso lo Spazio Giovani YoungDoIt, verrà presentato un concorso indetto per la selezione e lo sviluppo di nove idee innovative proposte da giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Il concorso di idee è una selezione dedicata ai giovani, nella quale verranno individuati, finanziati e accompagnati nove progetti finalizzati all’allestimento di pagine web per il Piano territoriale giovani rhodense, finanziato da Regione Lombardia, chiamato “I Distr-atti”. Che, teso a favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro e presentato da un ampio partenariato pubblico-privato, tra cui il Comune di Arese, Barabba’s Clown Onlus e Punto Groove, con capofila Ser.Co.P, ha ricevuto un finanziamento regionale di 100 mila euro.

“Soddisfazione – dichiara il sindaco, Michela Palestra – per Arese e per tutto il rhodense. Per la prima volta il nostro territorio ha ottenuto delle risorse per la costruzione di una regia distrettuale degli interventi rivolti ai giovani da 18 a 30 anni. Un passo importante per lo sviluppo di politiche locali rivolte a questa fascia di età, che pongono al centro della propria azione quella che è di fatto una nuova emergenza sociale, la disoccupazione giovanile, attraverso interventi tesi a promuovere la formazione e l’inserimento occupazionale dei nostri giovani”.

Le principali sfide che il Piano intende affrontare rispetto al tema dell’accesso al lavoro sono, da una parte, il coinvolgimento dei giovani nella ricerca attiva e nella “creazione” dei posti di lavoro, per esempio attraverso formule innovative come il co-working, dall’altra un contatto più diretto e proficuo col sistema delle imprese, finalizzato alla produzione di circoli virtuosi che incrementino l’occupazione giovanile. “La durata del contributo regionale – spiega l’assessore alle Politiche giovanili, Barbara Scifo – è annuale, ma il neocostituito tavolo degli assessori alle politiche giovanili ha intenzione di promuovere, anche in stretta collaborazione con gli altri assessorati, una serie di strategie integrate, in una prospettiva temporale più ampia, cercando anche nuove sinergie e canali di finanziamento”.

Nell’ottica di favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, ancora fortemente contratto a causa della crisi economica e di una ripresa molto incerta, sono previste alcune azioni, tra loro differenti e diversificate. La prima prevede la costruzione di un portale Internet che favorisca la partecipazione giovanile e la circolazione delle informazioni relative al mondo del lavoro. Al tale fine viene lanciata una “Call for ideas” (scadenza 9 maggio), un concorso dedicato ai giovani, attraverso cui verranno individuati, finanziati e accompagnati nove progetti che abbiano come finalità l’allestimento di pagine web per il portale del piano “I Distr-atti”. I partecipanti (anche in team) che supereranno la selezione riceveranno un riconoscimento di 3.300 euro e parteciperanno a un percorso di accompagnamento per la messa in opera dell’idea proposta con esperti del settore web e della comunicazione, anche con l’obiettivo di trasferire competenze e partecipare ad un’esperienza all’interno di contesto lavorativo.

“Per essere selezionati – spiegano gli organizzatori – è fondamentale la qualità dell’idea: deve essere dirompente e innovativa per il target a cui si rivolge, i giovani. Tuttavia l’idea non può essere solo un’idea, ma anche e soprattutto un progetto di pagina web pensato per essere inserito all’interno di un portale digitale più ampio dedicato ai giovani del territorio del rhodense, che raccolga informazioni utili, accessibili e che sia concepita anche per diventare, nel tempo, un punto di riferimento per venire a conoscenza delle iniziative del territorio. Una buona idea può essere anche pensata in squadra e in tal caso saranno favorite le situazioni di gruppi eterogenei con competenze multidisciplinari che si integrino tra loro (massimo 3 partecipanti per squadra)”.

Alla presentazione di questa sera, dove i candidati avranno la possibilità di comprendere il funzionamento e fare domande sull’iniziativa, faranno seguito, altri appuntamenti, previsti tra maggio e ottobre nei diversi Comuni del rhodense, dedicati a workshop formativi, con il coinvolgimento delle imprese del territorio, per l’apprendimento di nuove competenze e la creazione di contatti diretti tra domanda e offerta.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese