Home Cronaca

Guarito il primo paziente positivo di Arese: era infetto dallo scorso 5 marzo

28 aprile 2020 – I dati riportati oggi sul portale dell’Ats (Agenzia di Tutela della Salute) della Città Metropolitana di Milano parlano di un nuovo contagio, un decesso e una guarigione. In totale, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, Arese conta 137 persone che sono risultate positive al Coronavirus, 23 morti e 38 guariti. La guarigione di oggi riguarda, finalmente, la prima persona risultata positiva al virus ad Arese lo scorso 5 marzo.

Questi numeri, però, non tengono evidentemente conto dei 13 nuovi pazienti positivi trovati presso la Casa di riposo Gallazzi Vismara di cui vi abbiamo parlato oggi. Inevitabile, quindi, che nei prossimi giorni i numeri salgano ancora.

Ecco il messaggio che il sindaco, Michela Palestra, ha pubblicato sul sito del Comune:

Oggi il portale dei dati ATS registra un nuovo contagio, un decesso (non nella casa di riposo) e una guarigione. Ad Arese siamo arrivati a 137 persone positive al Covid-19 (tra cui 23 decessi e 38 guarigioni) dall’inizio dell’emergenza. Partecipiamo con dolore alla scomparsa di un altro concittadino e proviamo ad abbracciare virtualmente la famiglia per questo momento di fragilità.

Accogliamo invece con sollievo la guarigione del primo cittadino aresino risultato positivo al Covid il 6 marzo scorso. Sono state settimane durissime, ma finalmente potrà tornare all’affetto dei suoi cari. La Presidente della Corte costituzionale Marta Cartabia ha ribadito oggi che la leale collaborazione tra le istituzioni è un principio fondamentale perché «l’azione e le energie di tutta la comunità nazionale convergano verso un unico, condiviso obiettivo».

Mi permetto anche di aggiungere che ognuno di noi deve fare la propria parte. Speravamo che il nuovo decreto potesse darci più ampie libertà, ma le considerazioni precise e puntuali del comitato tecnico – scientifico ci impongono di non allentare troppo le misure restrittive per contenere la diffusione del virus.

Il timore è quello di un “contagio di ritorno” e la situazione odierna in Germania, che dopo la ripartenza ha visto aumentare l’indice di contagio verso la soglia critica, deve tenerci in allerta e imporci di adottare maggiore cautela nella progressiva eliminazione delle restrizioni.

Michela Palestra, sindaco di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese