Home Cronaca

I numeri del contagio migliorano, ma alla RSA Gallazzi Vismara ci sono altri tre morti

21 maggio 2020 – Se la situazione complessiva del numero dei contagi è sulla via di un netto miglioramento, non altrettanto si può dire sul fronte dei decessi. Qui si paga il diffondersi della malattia nella RSA Gallazzi Vismara, dove negli ultimi giorni si sono registrati tre morti. Il numero totale delle persone trovate positive ad Arese è rimasto fermo a 178, ma i 34 decessi e i 70 guariti portano il numero degli attualmente positivi a 74.

Ecco cosa ha scritto il sindaco Michela Palestra sui canali istituzionali del Comune di Arese:

Il portale ATS riporta i seguenti numeri:

  • casi totali: 178 (+0)
  • decessi: 34 (+3)
  • guariti: 70 (+11)
  • ricoverati: 3 (+0)
  • persone in quarantena, cioè con limitazioni allo spostamento: 117, che comprende sia casi accertati sia persone che sono state a contatto con casi accertati e quindi sono sottoposte preventivamente a quarantena fiduciaria.

I tre decessi sono avvenuti tutti nella RSA Gallazzi Vismara. Ci stringiamo forte alle famiglie che hanno perso i loro cari ed esprimiamo il nostro cordoglio a nome della Città di Arese. Oltre ai dati numerici del portale ATS, si aggiungono diverse persone che, in seguito alle segnalazioni dei medici curanti, saranno sottoposte a tampone. I dati sono complessivamente stazionari, ma sarà importante verificare l’andamento dei contagi nelle prossime settimane in seguito all’allentamento delle restrizioni della cosiddetta “fase 2”.

La nostra quotidianità è diversa rispetto a qualche mese fa e ci siamo detti più volte che è importante adattarsi al cambiamento. Il virus c’è ancora e noi dobbiamo imparare a conviverci fino a che non ci saranno altre soluzioni. Per farlo in sicurezza conosciamo ormai a memoria quali sono gli unici sistemi per evitare il contagio: distanziamento fisico, utilizzo della mascherina, frequenti lavaggi con gel lavamani, non toccarsi occhi-naso-bocca.

Rispettiamo le regole per tutelare la nostra salute e quella delle persone care.

Michela Palestra, sindaco di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese