Home Cronaca

Il Centro, aperta la nuova Farmacia Comunale

02 marzo 2017 – Come annunciato ha aperto lunedì scorso la nuovo Farmacia Comunale all’interno del Centro. La realizzazione della struttura era definita all’interno delle opere di compensazione previste dall’Accordo di programma per l’area ex Alfa Romeo. Farmacia che sarà aperta tutti i giorni della settimana, inclusa la domenica, dalle 9.00 alle 22.00 ed è situata al pianterreno del centro commerciale, con un doppio accesso sia interno che esterno alla galleria.

“L’apertura della farmacia comunale presso Il Centro – commenta il sindaco, Michela Palestra – rappresenta un’altra tappa importante dell’attuazione dell’Accordo di Programma ex Alfa Romeo, grazie allo straordinario impegno profuso congiuntamente dal Comune e dall’Azienda Speciale Gallazzi Vismara, che ne ha in carico la gestione, e grazie a tutti coloro che con il loro impegno hanno permesso l’apertura di questo nuovo servizio, dall’operatore ai vari soggetti con i quali abbiamo lavorato in questo periodo. Per i cittadini aresini un ulteriore beneficio, perché potranno godere di un servizio farmaceutico più ampio e accessibile, data la possibilità di recarsi anche in pausa pranzo, fino a tarda sera e nelle giornate festive”.

La presidente del consiglio di amministrazione dell’Azienda Speciale Gallazzi Vismara, Alessandra Orlandi, spiega invece come si integreranno la nuova e la vecchia Farmacia Comunale: ”La nuova farmacia comunale – spiega Orlandi – andrà ad affiancare l’attuale di via Vismara, che rimarrà un servizio di prossimità soprattutto per le persone anziane, per le famiglie, per le mamme e per tutti coloro che per comodità vorranno continuare a recarsi lì. La gestione congiunta di entrambe le strutture permetterà di realizzare sinergie e rafforzare la quantità e la qualità dell’offerta. Siamo orgogliosi di questo ulteriore traguardo raggiunto dall’Azienda Speciale Gallazzi Vismara e auspichiamo che i cittadini possano apprezzarne l’opportunità e sentirla come una risorsa per tutti”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese