Home Cronaca

Il nuovo Centro Civico si chiamerà “Agorà”

06 aprile 2017 – Il Centro Civico ha ora un nome. Concluso lo spoglio delle schede, tra le dieci proposte selezionate a raccogliere il maggior numero di voti è stato “Agorà”, che sarà dunque come verrà battezzato il Centro Civico. A partecipare al voto sono stati 368 cittadini, che potevano votare sino a tre nomi attribuendo a ciascuno di loro cinque, tre e un punto, in funzione del gradimento della proposta. Agorà ha ottenuto 738 punti, precedendo LiberaMente (596 punti) e [email protected] (338).

Ai primi tre posti non compare dunque nessuna delle personalità che erano in lizza, con gli aresini che a quanto pare hanno preferito per il nuovo spazio polifunzionale un nome evocativo delle attività che vi si svolgono piuttosto che quello di una personalità che si è distinta nel suo campo specifico. L’ordine di gradimento risultante dalle votazioni vede dunque al quarto posto Alda Merini (291 punti), seguita da Margherita Hack (260), Rita Levi Montalcini (228), Umberto Eco (169), Giulietta & Romeo (143), Dario Fo (127) e Altiero Spinelli (80).

“Sono state 451 – commenta il sindaco, Michela Palestra – le proposte di nomi da attribuire al Centro civico e 368 i cittadini, adulti e bambini, che hanno votato le 10 finaliste. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato a questo lungo percorso che ha portato alla scelta del nome da dare alla nuova struttura comunale, punto di riferimento della vita sociale e culturale di Arese”.

“Come in tutte le votazioni – concludono gli assessori Eleonora Gonnella e Giuseppe Augurusa – c’è chi è contento e chi meno per l’esito. Da parte nostra rimane la soddisfazione di essere arrivati al risultato tramite un percorso aperto a tutti, che ha coinvolto in prima persona amministratori, commissioni comunali ed associazioni: a tutti loro il nostro sentito ringraziamento per il contributo al percorso di partecipazione per la scelta del nome. Infine ringraziamo i quattro proponenti del nome risultato più votato”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese