Home Cronaca

In Latitia Chorus: “Grazie a tutti!”

17 giugno 2014 – Non ha vinto la finale, ma per In Laetita Chorus il secondo posto al concorso canoro nazionale “La canzone di noi” promosso da Tv2000 suona come una vittoria. Un percorso entusiasmante quello del coro aresino, che è riuscito a emergere, dopo tre mesi di selezioni e gare, su oltre mille cori provenienti da ogni parte d’Italia. “La finale – commenta Raffaella Seveso per il coro aresino – è stato un traguardo inaspettato di un percorso iniziato quasi per caso- Questa esperienza ci ha permesso di crescere sotto diversi punti di vista, in primis sicuramente quello musicale, sia per quanto riguarda il repertorio sia per quanto riguarda la tecnica. Abbiamo imparato ben sette brani a memoria, cosa non facile, in poco più di un mese. Da un punto di vista tecnico invece, abbiamo migliorato la vocalità, e per questo aspetto abbiamo ricevuto i complimenti da parte dei giudici e della commissione artistica de La canzone di noi. Questo è un bagaglio di cui faremo tesoro”.

La finale, anche questa trasmessa in diretta televisiva, non ha lasciato indifferenti le ragazze del coro diretto dal M°. Massimo Mazza: “E’ vero – conferma – Raffaella – eravamo agitate e tese perché la prova era impegnativa. Ma siamo riuscite a cantare bene lo stesso, a sorridere e speriamo a far sorridere. Ci siamo emozionate e abbiamo cercato di emozionare il nostro pubblico. Quando hanno proclamato il vincitore, e abbiamo scoperto che non eravamo noi, non abbiamo pianto. Abbiamo festeggiato perché noi avevamo già vinto, in quanto essere lì per noi è stata comunque una vittoria. Vorrei ringraziare a nome di tutto il coro gli aresini e non aresini che ci hanno votato, che ci hanno sostenuto con messaggi di complimenti, apprezzamento e affetto per tutte queste settimane. Hanno risposto numerosi al nostro appello come non ce lo saremmo mai aspettate. E noi continueremo a cantare sempre per loro”.

Al di la dell’esperienza e del grande risultato, al coro questa esperienza servirà anche in chiave futura: “I brani cantati durante tutto il concorso – spiega Raffaella – verranno riproposti nei nostri concerti, e la tecnica acquisita ci permetterà di cantare sempre un po’ meglio della volta precedente. Questa esperienza ci ha poi fatte crescere anche da un punto di vista umano e come gruppo. Abbiamo trascorso insieme sere e sere per le prove e per la condivisione di un obiettivo. E le fatiche e i sacrifici che si fanno per raggiungere un obiettivo sono un collante che rende e ha reso il nostro coro ancora più unito di quanto già non fosse prima”.

Per festeggiare il risultato raggiunto e ringraziare gli aresini del sostegno ricevuto, In Laetitia Chorus sta organizzando un concerto all’aperto, che si terrài in occasione della Festa Patronale, il 29 giugno, in via Caduti intorno alle ore 21,30. Per chi volesse, invece, ascoltare quello che è stato “il cavallo di battaglia” di In Laetitia Chorus durante la gara, lo potrà fare a questo link, dove le ragazze e Massimo Mazza, oltre a interpretare la canzone di Franco Battiato “La cura”, la commentano.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese