Home Cronaca

Inquinamento: diesel Euro 3 fermi anche ad Arese

03 ottobre 2018 – Come ormai accade da diversi anni, con l’inizio di ottobre sono entrate in vigore in Lombardia le misure strutturali permanenti finalizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e al miglioramento della qualità dell’aria. La novità più sostanziale, e certamente anche più impattante, che coinvolge direttamente anche la nostra città, prevede l’estensione del blocco alla circolazione delle autovetture diesel Euro 3, che fino al 31 marzo non potranno essere utilizzate dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 7.30-19.30.

Questa misura non si applica a tutta la Lombardia, ma riguarda i Comuni di Fascia 1 (209 Comuni, tra i quali Arese, che rientra nella categoria “agglomerato di Milano”) e nei Comuni con popolazione superiore a 30 mila abitanti appartenenti alla Fascia 2 (cinque Comuni: Varese, Lecco, Vigevano, Abbiategrasso e S. Giuliano Milanese). Da segnalare anche che nella stessa fascia oraria il divieto di circolazione ora è esteso per tutto l’anno, e non più solo per i sei mesi invernali, a tutte le auto a benzina Euro 0 e a tutti i diesel fino a Euro 2 compreso. Per i motocicli a due tempi Euro 1 sono applicate le restrizioni semestrali imposte alle vetture diesel Euro 3, mentre in Lombardia è del tutto vietata la circolazione, 24 ore su 24, ai motocicli a due tempi Euro 0.

L’elenco delle deroghe è piuttosto lungo, anche se in realtà limitato a specifici casi particolari, che riguardano una parte limitatissima del parco vetture oggetto di blocco, e può essere consultati sul sito di Regione Lombardia (clicca qui). Tra le classi di esenzione che potrebbero riguardare un numero significativo di persone segnaliamo i veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica, i veicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro e i veicoli con a bordo almeno tre persone (car pooling). Da segnalare anche l’entità della sanzione, che può andare da 75 a 450 euro.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese