Home Cronaca

Intercultura apre una sede ad Arese

01 ottobre 2010 – Si è costituita ad Arese una sede locale di Intercultura, un’organizzazione nata 55 anni fa con lo scopo di promuovere il dialogo interculturale attraverso gli scambi scolastici. Ogni anno Intercultura, che in Italia rappresenta l’AFS (AFS Intercultural Programs) e l’EFIL (European Federation for Intercultural Learning), manda all’estero oltre 1.400 studenti e ne accoglie altrettanti. Tutto si basa sul volontariato e sulle famiglie che decidono di ospitare i ragazzi per periodi che arrivano anche a un anno. La sede aperta ad Arese, presieduta da Marina Gioia, si occupa di tutti i comuni della nostra area e si avvale della collaborazione di numerosi volontari, a cominciare da Fabio Colonia, che è responsabile dell’ospitalità dei comuni della zona.

La presentazione ufficiale della struttura aresina, che è la 132esima in Italia, è stata fatta lo scorso 30 settembre. A testimoniare la validità formativa di questa esperienza erano presenti alcuni ragazzi e ragazze che in passato si sono recati all’estero e le tre studentesse e lo studente straniero (provenienti da Stati Uniti, Serbia, Portogallo e Belgio) che sono attualmente ospiti presso le famiglie aresine. Ospite all’evento è stato anche Marco Tosi, responsabile nazionale degli scambi di classe.

A lavorare per Intercultura in Italia sono circa 1.300 volontari, divisi tra le tre sedi nazionali e le strutture periferiche. Il loro compito è quello di selezionare i ragazzi candidati all’esperienza all’estero, reperire le famiglie disponibili a ospitare ragazzi stranieri, assicurarsi che durante tutto il soggiorno degli italiani all’estero e degli ospiti in Italia tutto vada per il meglio, aiutando i ragazzi a gestire e superare i momenti più difficili e facendo in modo che la preparazione scolastica e i rapporti con le strutture educative siano di ottimo livello.

Per avere informazioni sulle attività di Intercultura è possibile contattare Marina Gioia all’indirizzo di posta elettronica [email protected] o consultare il sito nazionale all’indirizzo www.intercultura.it