Home Cronaca

La pittrice aresina Rosalba De Mucci vnce “La Vela d’oro”

28 settembre 2018 – Il sindaco, Michela Palestra, ha accolto settimana scorsa, per congratularsi con lei, Rosalba De Mucci, una nostra concittadina che lo scorso 30 giugno ha vinto, con una sua opera pittorica, il trofeo “La Vela d’oro per l’arte 2018”, esponendo i suoi lavori a Cesenatico, nell’ambito della rassegna “11° premio biennale Trofeo la Vela d’oro per l’arte”. Delle quattro le opere portate da Rosalba De Mucci a Cesenatico a essere premiata è stato il dipinto olio su tela “Scorre la vita”.

Questa la motivazione, redatta da Elena Cicchetti, con la quale è stata premiata l’opera della nostra concittadina: “La sua pittura è espressione di una carica emotiva e poetica. La sua ricerca è sempre costante, come costante è l’impronta disegnativa e coloristica della sua garbata tavolozza. Nella pittura di Rosalba De Mucci si nota la straordinaria capacità di comunicare l’emozione di un mondo reale ed immaginario al tempo stesso, che, attraverso i colori, si svela nella sua profonda liricità”.

“È sempre un onore – ha invece commentato il sindaco nel corso dell’incontro – vedere i nostri cittadini premiati in diversi ambiti, dalla cultura al sociale, al volontariato. Oltre a veder riconosciuto il loro talento, è innegabile che c’è l’orgoglio di portare il nome di Arese anche al di fuori dei confini locali. Ringrazio quindi la nostra concittadina e le porgo i complimenti dell’amministrazione per il risultato raggiunto”.

Prossimamente un’opera della De Mucci sarà visibile anche in Municipio o in una delle sedi comunali, perché l’artista ha voluto donare al Comune uno dei suoi lavori.

Rosalba De Mucci, pittrice professionista, grafica e disegnatice vetraia, ha studiato presso il Liceo artistico di Venezia. I suoi soggetti riguardano figure e tematiche sociali, immagini dell’alienazione e della ritualità delle masse, maschere evocanti stati d’animo, paesaggi, gente al lavoro, scorci cittadini, ballerini e scene oniriche.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese