Home Cronaca

L’Asl conferma che l’acqua di Arese è potabile

27 agosto 2014 – L’Azienda Sanitaria Locale Milano 1 ha divulgato i risultati delle analisi 2013 sull’acqua distribuita tramite gli acquedotti locali. Il risultato, positivo per tutta la provincia, è confermato anche ad Arese: l’acqua che esce dai nostri rubinetti è potabile e di buona, se non ottima, qualità. Ad attestarlo sono le tabelle pubblicate nella relazione 2014 firmata da Antonio Bertolini e Laura Maria Mariani, dove viene spiegato con parole comprensibili a tutti come e quando vengono realizzati i controlli. Gli standard utilizzati sono stati fissati dall’Unione Europea e sono inderogabili, quindi i risultati sono pienamente confrontabili con quelli degli altri Paesi. Da segnalare che i controlli dell’Asl sono aggiuntivi rispetto a quelli (obbligatori) effettuati dal gestore dell’acquedotto.

I documenti realizzati dalla Asl sono due: il primo è una relazione generale (scaricabile qui), il secondo la relazione specifica per il comune di Arese (scaricabile qui). Quest’ultima conferma che dei sette pozzi utilizzati ad Arese, solamente uno (Sempione) immette acqua non trattata, mentre tutti gli altri utilizzano filtri a carboni attivi per abbattere in particolare la presenza di tricloroetilene e tetracloroetilene. Il trattamento consente di riportare i valori di questi composti ben al di sotto dei parametri di sicurezza rendendo così l’acqua potabile. A conferma dell’efficacia di questi controlli, l’Asl segnala che a seguito dei risultati di uno dei prelievi, che hanno fatto registrare in un solo pozzo valori prossimi al limite di legge, il gestore ha provveduto a sostituire i filtri.

Per avere informazioni e chiarimenti ci si può comunque rivolgere all’Ufficio Centrale Acque Potabili del Dipartimento di Prevenzione Medica, cui fa capo tutta l’attività di vigilanza. L’ufficio si trova a Parabiago in via Spagliardi 19 ed è raggiungibile telefonicamente al numero 0331 498477. L’indirizzo di posta elettronica è [email protected]

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.