Home Cronaca

Lavoro, ieri protesta Slai Cobas in Comune

11 novembre 2014 – Come era stato ventilato sono effettivamente stati rinviati i primi colloqui, che si sarebbero dovuti tenere ieri presso lo Sportello Lavoro del Comune di Arese, per la selezione di una parte del personale dell’Arese Shopping Center. L’amministrazione parla di un rinvio dovuto a “ragioni organizzative” ma è più che probabile che l’annunciata protesta dei lavoratori iscritti allo Slai Cobas abbia consigliato lo spostamento della data, che pare sarà di una settimana. E in effetti ieri mattina in Comune, con tre auto della Polizia e una dei Carabinieri che monitoravano la situazione, si sono riunite alcune decine di operai che lavoravano nell’area ex Alfa: “Con lo Slai Cobas – dicono dal sindacato di base – erano presenti nel salone del Comune di Arese lavoratori di Innova, di Green Fluff, di Fiat Auto e di Fiat Power Train”.

In realtà i colloqui che si dovrebbero tenere presso il Comune di Arese, e in futuro anche presso quello di Lainate, riguardano le assunzioni di quella quota di personale che l’Accordo di Programma riserva ai residenti nelle due città. Gli operai Slai Cobas, nell’attuare la loro protesta, spiegano però che hanno a loro volta presentato curricula per essere assunti, ma che questi non sarebbero tenuti in considerazione: “I lavoratori dell’Alfa e della Slai Cobas – dichiarano i rappresentanti del sindacato – non sono delinquenti. Chiediamo di non essere discriminati e rivendichiamo a testa alta i nostri diritti”. (foto Jolly)

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese