Home Cronaca

Legambiente classifica Arese “Comune riciclone”

25 gennaio 2016 – Il Comune di Arese ha ottenuto, anche per il 2015, l’attestato di Comune Riciclone, che Legambiente consegna alle amministrazioni pubbliche che si distinguono per la raccolta differenziata. “Siamo molto soddisfatti – ha commentato il sindaco, Michela Palestra – per l’attestato ricevuto dalla nostra comunità.  Ringrazio, a nome di tutta l’amministrazione, i cittadini aresini per l’impegno nella raccolta differenziata. Questo importante riconoscimento premia il loro comportamento corretto e responsabile. Differenziare i rifiuti porta vantaggi all’ambiente, all’economia e, in definitiva, al benessere di tutti noi”.

Nella classificazione di Legambiente i come Comuni Ricicloni sono quelli che raggiungono una percentuale di raccolta differenziata pari almeno al 65 per cento del totale dei rifiuti prodotti. Oltre a questo, viene anche stabilito un “indice di buona gestione”, che tiene in considerazione altri parametri, come la produzione di rifiuti pro capite, la tipologia di raccolta e la dotazione di una piattaforma ecologica. Legambiente, nel calcolo della differenziata, include tra i rifiuti avviati al recupero anche le terre di spazzamento e, considerando anche questa tipologia di rifiuto, il nostro Comune raggiunge una quota di riciclo del 67,20 per cento. I risultati al netto dello spazzamento sono ovviamente leggermente inferiori, ma comunque buoni: rispetto al dato del 65,25 per cento registrato nel 2014, Arese sostanzialmente conferma anche nel 2015 la percentuale di differenziata, con una quota del 65,56per cento.

“La tendenza al miglioramento – sostiene il vicesindaco, Enrico Ioli – va incoraggiata, e le modifiche introdotte quest’anno nel sistema di raccolta vanno in questa direzione. In particolare, il passaggio a una sola raccolta settimanale per il sacco del residuo secco è una condizione indispensabile per aumentare la differenziata. I buoni risultati sono stati raggiunti grazie ai cittadini e a Gesem, che gestisce la raccolta differenziata. Migliorare ancora è una sfida che vedrà il successo solo con la collaborazione di tutti noi”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese