Home Cronaca

Licei Russell e Fontana a scuola di igiene urbana

30 marzo 2017 – Quest’anno più degli altri il liceo Russell-Fontana propone per le sue prime classi il progetto “La terra non appartiene all’uomo, ma l’uomo alla terra”. Gianfranco Picerno, assessore al territorio e all’ambiente di Garbagnate Milanese, ha tenuto una conferenza al fine di trasmettere l’importanza della salvaguardia dell’ambiente. La conferenza si è tenuta martedì 21 marzo presso il liceo Bertrand Russell di Garbagnate Milanese e venerdì 24 marzo presso il liceo Fontana di Arese. L’argomento principale è stato il rifiuto a scala locale e l’informazione sulla raccolta differenziata, problemi all’ordine del giorno nella nostra società.

La presentazione ha avuto inizio dopo un breve video introduttivo sull’ambiente e con l’ausilio di immagini, raffiguranti l’evoluzione odierna della qualità della vita, Picerno ha voluto trasmettere ai ragazzi che con l’aumento del benessere arriva l’eccesso e di conseguenza l’incremento dei rifiuti da smaltire.

Successivamente sono state mostrate nuove immagini di forte impatto: una discarica a cielo aperto in India e, più vicino a noi, una piccola zona del parco delle Groane ricoperta dai rifiuti, il parcheggio costruito per Expo ad Arese anch’esso trattato come discarica, e infine un luogo a 650 metri dal liceo Russell in cui si trovano rifiuti edili lungo i margini delle strade. Questo per far comprendere ai ragazzi che il problema riguarda tutti ed è dovere di tutti occuparsene. L’assessore afferma che “l’informazione e le buone pratiche partono dalla scuola ed è perciò necessario che i ragazzi sappiano che ognuno di noi può fare la differenza”.

Ogni anno a Garbagnate Milanese vengono prodotte circa 12 mila tonnellate di rifiuti di cui ben 3.800 non sono differenziate (ciò che noi comunemente chiamiamo “secco” viene infatti bruciato a pochi chilometri dalla nostra scuola in uno stabilimento a Pero). Questo implica difficoltà nel loro smaltimento e di conseguenza dei costi alquanto elevati. Inoltre lo smaltimento di materiali tossici, come la vernice, costa 800 euro per tonnellata e quello dei medicinali implica un costo di 600 euro a tonnellata.

Concludendo possiamo quindi osservare quanto sia importante differenziare i rifiuti dal momento che ci permette di riciclare i beni e riutilizzarli, di risparmiare sui costi dello smaltimento e infine contribuire a mantenere il nostro territorio pulito.

Servizio di Ruggero Alario, Beatrice Bedin, Elios De Marco, Silvia Genoni, Luca Morales

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese