Home Cronaca

Lo show aresino del Team Di.Di.

23 ottobre 2013 – La scorsa domenica 13 ottobre, archiviata la loro prima stagione di corse, alcuni piloti del Team Di.Di. Diversamente Disabili (clicca qui) sono tornati in sella, ma questa volta su un nastro d’asfalto alquanto inconsueto per le due ruote: la pista di atletica leggera del Centro Sportivo Davide Ancilotto. Qui hanno dato vita ad uno show fuori programma, nel contesto della prima edizione del Bikers Festival, evento organizzato da Arese Bikers e SG Sport, con il patrocinio del Comune e dell’Associazione Città dei Motori. La giornata ha mirato a ricostruire una sorta di “paddock”, con il bilico dei team Gimotorsport e Grimoto, la Honda di Fabio Spiranelli e la MV Agusta di Nicola Ruggiero, le componenti “da corsa” di Valter Moto e persino esemplari d’epoca e sidecar di collezionisti.  Con il supporto della Polizia locale si è svolto anche un corso di educazione stradale per bambini (in bicicletta), con tanto di “patentino” finale.

Protagonista dell’evento è stato proprio il team Di.Di., al quale l’organizzazione ha devoluto parte dell’incasso: i piloti disabili hanno allestito un vero e proprio box con tre moto e un testimonial d’eccezione: Fabrizio Lai, da poco rientrato dal mondiale Superbike a Magny Cours. Il pilota milanese, ex campione italiano, si è anche prodigato ad aiutare i piloti del Team Di.Di. nelle ultime operazioni di messappunto prima di entrare in pista. “Con Luca Raj ho anche girato in pista perché siamo vicini di casa – ha detto Fabrizio – e ho avuto modo di verificare da vicino che gira davvero forte. Sono piloti straordinari e hanno tutta la mia ammirazione, perché francamente non riesco a spiegarmi come facciano a guidare così bene!”.

Nel pomeriggio Matteo Baraldi e Luca Raj hanno dato vita ad un’esibizione in sella alle loro Yamaha e MV Agusta adattate per la guida con un solo braccio: sulla pista di atletica leggera hanno conquistato il pubblico a suon di evoluzioni e giri veloci e sono stati “scortati” anche dalle moto della Polizia, per uno show fuori dal comune. A bordo pista anche il pilota Di.Di. Giovanni Aranciofebo, arrivato per l’occasione da Messina.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese