Home Cronaca

Lunedì al via le asfaltature “compensative”

02 ottobre 2015 – Da lunedì prossimo, condizioni meteo permettendo, partiranno una serie di lavori di asfaltatura di alcune vie cittadine. I lavori non comporteranno alcuna spesa per il Comune, in quanto fanno parte del pacchetto di misure a compensazione ottenute da Arese, Lainate e Rho per i disagi causati dalla chiusura, tre settimane nello scorso mese di marzo, del ponte di Passirana. I lavori partiranno proprio da Arese, dove l’amministrazione avverte che saranno possibili alcuni disagi e rallentamenti a causa di restringimenti di carreggiata, per poi proseguire anche a Lainate e Rho. In totale saranno posati 100 mila metri quadrati di asfalto nuov, divisi in parti uguali tra i tre Comuni. “Viene dato seguito – commenta il sindaco, Michela Palestra – agli impegni presi a febbraio, quando di fronte a una situazione difficile abbiamo preteso un intervento importante a favore del territorio”.

In particolare i lavori partiranno da viale Marietti e a seguire si provvederà a riasfaltare largo Ungaretti, via per Passirana, via Bernina, via Gran Sasso, via Marmolada, via Campo Gallo, via Monte Grappa, via della Costituzione, via della Repubblica, via degli Orti (da via Don Bosco a via IV Novembre e da via Don Bosco a viale Gran Paradiso), Valera (parcheggio e strada), via Statuto, la rotatoria di via Leopardi verso via Statuto e via degli Orti e il parcheggio di via Matteotti.

Meteo permettendo i lavori dureranno circa due settimane e saranno svolti prevalentemente durante il giorno, fatta eccezione per alcune strade molto frequentate per cui si provvederà a interventi in orari notturni. In alcune vie sarà necessario istituire sensi unici alternati, creando qualche temporaneo disagio alla circolazione. “I lavori di asfaltatura – dice il vicesindaco Enrico Ioli – riguardano anche alcune vie che da anni necessitano un intervento. Cercheremo di ridurre i disagi per i cittadini, ma sono lavori necessari a migliorare la sicurezza e l’aspetto della nostra città”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese