Home Cronaca

Mobilità: anche Arese richiede car sharing

04 aprile 2014 – Lo scorso martedì primo aprile il vicesindaco, Enrico Ioli, ha preso parte, a Palazzo Marino, al tavolo di lavoro promosso dall’assessore milanese alla viabilità, Pierfrancesco Maran. Tra gli obiettivi dell’incontro c’erano quelli di arrivare a condividere con Milano e i Comuni limitrofi una nuova cultura della mobilità e valutare la possibilità di estendere anche all’hinterland il servizio di car sharing, che attualmente a Milano conta già oltre 100 mila utenti. Il car sharing è un servizio che permette alle persone di avere a disposizione una gamma di auto da “affittare” in qualsiasi momento, anche per un numero limitato di ore, e di pagare per l’uso effettivo che se ne fa, senza altri costi. “In vista dei cambiamenti futuri – commenta Ioli – che interesseranno il nostro territorio, abbiamo sempre sostenuto la necessità di sviluppare un’idea di mobilità sostenibile. Il car sharing propone un approccio eco friendly e rappresenta una scelta innovativa attenta all’ambiente. Arese dovrà garantire un parcheggio remoto da 4.000 posti auto per Expo 2015 e dobbiamo cogliere questa occasione per estendere il servizio anche nella nostra città, senza incidere sul bilancio comunale”.

Il Comune di Milano raccoglierà nei prossimi giorni le proposte dei Comuni interessati al servizio, per avviare poi una fase di discussione e contrattazione con gli operatori, con l’obiettivo di arrivare a un accordo entro l’estate. “Durante l’incontro – conclude Ioli – ho sollecitato anche l’attivazione della nuova linea bus 561 da Arese alla linea metropolitana Mm Rho Fiera, per la quale abbiamo sottoposto ad Atm un’ipotesi di percorso. Da parte nostra e dei Comuni di Rho, Pero e Baranzate, è stata nuovamente richiesta anche l’adozione della cosiddetta tariffa unica, che favorirebbe un maggiore uso dei mezzi pubblici. L’amministrazione parteciperà a tutti i tavoli di lavoro per offrire ai cittadini mezzi alternativi alle auto di proprietà. Il rispetto dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile, il miglioramento della mobilità sono temi su cui serve una pianificazione attenta e noi lo stiamo facendo”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese