Home Cronaca

Alfa Romeo: arriva la Giulia, tarda il museo

24 giugno 2015 – Il 24 giugno è arrivato, il museo dell’Alfa Romeo non ancora. Fca (Fiat Chrysler Automobiles) ha mantenuto solo metà della promessa fatta lo scorso gennaio: oggi alle 18 si toglieranno i veli alla nuova Giulia (e al nuovo marchio Alfa Romeo), ma per ammirare il rinnovato museo bisognerà attendere ancora una settimana. L’apertura al pubblico, infatti, sembra sia prevista il 30 giugno. Lo si deduce dalle poche parole “estorte” a chi lavora lì (“Aprirà la prima settimana di luglio”) e dall’invito spedito da Fca alle autorità cittadine per partecipare al “vernissage” che si terrà lunedì 29 giugno. A stupire in tutto questo non è tanto lo slittamento di una settimana della riapertura, ma il silenzio tenuto da Fca: nemmeno l’ufficio stampa, da noi contattato, ha voluto svelare data, orari di apertura e prezzi dei biglietti. Come spesso è accaduto, da Fiat in poi, non resta che attendere.

Intanto oggi i riflettori sono puntati sulla nuova berlina del biscione. La Giulia è stata la vettura di maggior successo nella storia dell’azienda, e da quel nome Sergio Marchionne vuol fare ripartire il marchio in tutto il mondo, Stati Uniti compresi. Dalla nuova Giulia dipende il futuro dell’Alfa Romeo, che per poter sopravvivere va rilanciata con decisione. L’obiettivo è creare dal modello Giulia un’intera gamma di vetture capace di riportare l’Alfa al livello che merita. E per questo la Giulia torna alla tradizione, con la trazione posteriore che in Alfa non si vedeva da molti, troppi, anni.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese