Home Cronaca

Nel 2010 aumentano incidenti e multe

27 gennaio 2011 – Nel 2010 sul territorio comunale è aumentato il numero degli incidenti stradali ma è diminuita la loro gravità. E’ quanto emerge dai dati statistici resi noti dal comando della Polizia Municipale di Arese. Nel corso dell’anno solare i vigili hanno verbalizzato settanta incidenti, il trenta per cento in più rispetto a quelli verificatisi nel 2009. Per contro, malgrado il loro numero sia più elevato, sembra essere diminuita la loro gravità visto che le persone che hanno riportato ferite negli incidenti sono state quarantotto, il quaranta per cento in meno rispetto all’anno precedente. Fortunatamente poi, nel 2010 non si è verificato nessun incidente mortale.

Nel corso del 2010 la Polizia Municipale ha esercitato una massiccia attività di controllo che ha portato al conseguente aumento delle sanzioni comminate agli automobilisti indisciplinati. Queste sono passate dalle 1.724 del 2009 alle 2.400 dell’anno scorso. In totale le contravvenzioni hanno comportato la decurtazione di 1.786 punti patente e hanno generato un ricavo di 155 mila euro per le casse comunali.

Per il 2011, oltre a confermare la politica di tolleranza zero verso chi guida troppo veloce o sotto l’effetto di alcol e droghe, il piano di sicurezza territoriale prevede due importanti novità. Dovrebbe infatti diventare pienamente operativa la gestione congiunta dei servizi di polizia per i comuni aderenti al Patto del Sempione, al quale Arese ha aderito nel 2010, e che prevede la collaborazione tra le polizie municipali dei territori coinvolti per garantire la sicurezza delle aree a rischio. Oltre al Patto del Sempione è stato poi varato il Progetto invernale di sicurezza urbana, un’iniziativa finanziata con 80 mila euro dalla Regione Lombardia, che contempla una maggiore presenza sul territorio da parte della polizia locale. Il progetto, che sarà condotto in via sperimentale per due mesi, prevede che ogni sera dalle 20 alle 24 due pattuglie formate da due agenti ciascuna controllino sistematicamente alcuni punti sensibili di Arese, con una particolare attenzione per i parchi pubblici, le piazze, le zone più periferiche del territorio.