Home Cronaca

Nel 2015 al Museo Alfa con la Linea 561

05 novembre 2014 – L’amministrazione ha reso pubblico il testo della lettera inviata al Comune di Milano con la quale, oltre a presentare richieste di agevolazioni tariffarie per i suoi utenti, vengono anche indicati i possibili futuri sviluppi del tragitto della Linea 561. Iniziamo con il capitolo tariffe, con il nostro Comune che avanza la richiesta di applicare la tariffa di fascia urbana alla Linea 561. “Abbiamo motivato la richiesta – spiega l’assessore alla Mobilità Roberta Tellini – con il fatto che il Comune di Milano deve tenere nella giusta considerazione i disagi che la cittadinanza dovrà sopportare per tutto il periodo Expo, visto che sul territorio saranno presenti parcheggi a servizio dell’esposizione che avranno una capienza che potrà raggiungere gli 11 mila veicoli. In subordine nella lettera chiediamo che per la Linea 561, se non fosse possibile prendere in considerazione la tariffa urbana, e dato atto che la tariffa per accedere alla metropolitana alla stazione di Rho Fiera è urbana + 1/2, venga mantenuta tale tariffa e non quella applicata alla attuale linea 560, che è urbana + 1 + 1⁄2”.

Nel documento inviato al Comune di Milano ci sono anche alcune interessanti informazioni riguardo quello che potrebbe essere l’assetto futuro della Linea 561, che entro maggio 2015 potrebbe includere il Museo Storico dell’Alfa Romeo, una volta che questo sarà riaperto. Indubbiamente una buona soluzione per valorizzare una struttura conosciuta agli appassionati di tutto il mondo ma, in passato, difficilmente raggiungibile per i visitatori che non disponevano di un mezzo proprio. Un ulteriore sviluppo sarà poi quello di includere anche l’area di Arese Sud nel tragitto del bus. “Si ipotizza – si legge infatti nel testo – che il tragitto della Linea 561 proposto in questa fase possa essere definitivo con l’aggiunta di un ‘quadrato’ Arese-Valera-Centro commerciale-Museo Alfa Romeo entro maggio 2015 e di un ulteriore ‘quadrato’ una volta terminati i lavori di costruzione dell’area denominata Arese Sud”.

© riproduzione riservata (sia testi che foto)

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese