Home Cronaca

Nessun ripensamento, studenti a Pero

27 agosto 2012 – Nessun ripensamento dell’ultim’ora, nemmeno a fronte delle tante proteste dei cittadini. La soluzione per gli studenti della scuola media Silvio Pellico, chiusa per manutenzione straordinaria, rimane quella del loro trasferimento a Pero. “Dopo vari incontri tra amministrazione, Asl e direzioni didattiche – viene ribadito dal Comune – l’unica strada percorribile è proprio il trasferimento in altro istituto, visto che sul territorio non esistono strutture idonee ad accogliere i quasi 400 alunni, oltre al personale”. L’intera Silvio Pellico, studenti, docenti e personale, inizierà quindi l’anno scolastico alla Marconi di Pero, che accoglierà le 18 classi della Silvio Pellico garantendo tutta l’attività scolastica, compreso l’indirizzo musicale. Al momento l’amministrazione non fa previsioni circa la data di fine lavori, con il servizio di trasporto che è stato temporaneamente previsto fino al 31 dicembre, in attesa di avere tempi certi sulla riapertura della media di via Col di Lana. Rimangono invariate anche le modalità di trasporto da Arese a Pero e ritorno, che verranno attuate con un servizio pullman gratuito con accompagnatore.

Gli orari previsti per il viaggio di andata sono le 7,45 e le 7,55, con il ritorno fissato alle 13,45 e 13,55. Per le classi a indirizzo musicale gli orari del ritorno sono stati fissati alle 15.30 e 16.30. Due i punti di raccolta previsti, comunque da confermare, che sono via Col di Lana e viale Resegone, in prossimità del parcheggio posto all’altezza della scuola. Per usufruire del servizio le famiglie dovranno compilare e consegnare, entro il primo settembre, il modulo di richiesta (scarica qui) al Servizio Istruzione di via Col di Lana o in Municipio, allo Sportello del Cittadino. In alternativa, è possibile inviare il modulo per posta elettronica all’indirizzo [email protected]. Per maggiori informazioni è possibile contattare il Servizio Istruzione ai numeri 02-93527518 e 02-93527520.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.