Home Cronaca

Notte bianca: in centro oltre 2.500 persone

24 giugno 2015 – La prima notte bianca di Arese è stata indiscutibilmente un successo, con moltissimi aresini che si sono riversati per le strade e le piazze del centro storico. Secondo le stime dell’amministrazione, che ci sentiamo di confermare avendo vissuto l’evento in prima persona al QuiArese TechCafé, tra le 21.00 e la mezzanotte di sabato scorso, oltre 2.500 persone hanno riempito il centro storico di Arese, trasformandolo in un unico grande spazio di incontro, divertimento e relax. “Avevamo scritto nel nostro programma – commenta il sindaco Michela Palestra – che avremmo svolto la Notte bianca anche ad Arese e siamo contenti di aver mantenuto la promessa, inaugurando questo nuovo appuntamento aresino. È stata una festa per tutti e di tutti. Persone di tutte le età, dai bambini con le loro famiglie, ai tantissimi ragazzi e anziani. I cittadini si sono sentiti spontaneamente parte di una città viva, dedicando tempo non solo al divertimento e al palato, ma soprattutto al piacere di ritrovarsi e riconoscendosi orgogliosamente nella comune appartenenza alla nostra città”.

Il sindaco sottolinea poi come alla buona riuscita dell’iniziativa abbiano contribuito tutti coloro che a vario titolo e con varie funzioni vi hanno aderito: “L’amministrazione – prosegue infatti Palestra – che ha fortemente voluto questo evento, ha lavorato alla regia della serata e al coordinamento organizzativo della stessa, convinta che lo spirito di collaborazione tra le varie anime della città possa portare a risultati straordinari. La nostra prima Notte Bianca ne è stata la dimostrazione concreta”. L’elenco dei ringraziamenti è lungo e va dall’équipe educativa dello Spazio Giovani Comunale YoungDoIt, per la sua spinta propulsiva e organizzativa, che è stata capace di stimolare il protagonismo e la grande partecipazione giovanile alla serata, a Gso e Sg Sport per il ruolo decisivo alla costruzione di questa festa cittadina, avendo saputo coinvolgere, con i loro numerosi allenatori volontari, moltissimi ragazzi, bambini e adulti nei tornei sportivi. Ai quali hanno preso complessivamente parte 260 persone, che si sono sfidate negli street games (volley, basket e calcio), per un totale di 90 squadre. Tantissimo pubblico hanno anche raccolto l’inedito macth di boxe targato Sg Sport – Federazione Pugilato Italiana Coni e per le dimostrazioni di arti marziali e di difesa personale promosse da Hana-Wa. Lo sport è stato anche virtuale, con il maxischermo allestito da YoungDoIt dove in molti si sono sfidati a Fifa 15. Affollati anche i tavoli da ping pong e da biliardino, piazzati in diversi punti di via Caduti.

Anche la musica ha avuto un ruolo centrale, con i cinque dj del laboratorio di electronic music production di YoungDoIt, che sono riusciti ad aggregare attorno a sé tantissimi ragazzi che hanno ballato in piazza fino a tardi e con le band di musica live coordinate da Punto Groove. I giovani aresini che si sono alternati alla console di Piazza Alberto dalla Chiesa e agli strumenti musicali in Piazza 11 settembre sono poi stati entusiasti di essersi potuti esibire nella loro città. Non sono mancati poi il karaoke di Claudio Angè, che ha cantato e ha fatto cantare, e gli animatori del ballo liscio. Un intervento originale è stato poi quello dello scrittore, nostro concittadino, Maurizio Gilardi, che con il supporto del gruppo teatrale Sanguigno ha presentato il suo ultimo libro in piazza 11 Settembre.

“Un grandissimo ringraziamento – conclude Palestra – va rivolto, poi, a tutti i commercianti aresini coinvolti che hanno creduto nell’iniziativa e si sono prodigati con tante, differenti proposte, tutte molte apprezzate, stando alle lunghe code createsi in tutti i punti ristoro. E’ stato un grande successo anche per loro. Un grazie speciale, infine, vorrei riservarlo alle persone della struttura comunale, per il loro encomiabile impegno, e a tutti gli aresini che hanno reso possibile questa bella festa con la loro presenza”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese