Home Cronaca

Nuovo progetto a favore degli anziani soli

31 maggio 2017 – Ad Arese si sta avviando un nuovo progetto sociale a favore degli anziani soli, e lanciato dal Laboratorio di Comunità di Arese, un gruppo formato da diverse realtà associative aresine già attive nella nostra città. Al momento vi hanno infatti aderito i Pensionati per la città, la Banca del tempo, gli Amici della Casa di riposo, il Comitato inquilini case Aler, la Caritas, San Vincenzo, Maisha Marefu, il Circolo anziani senior, l’Uniter, ma altre associazioni si potranno aggiungere in seguito.

Tra gli aderenti anche alcuni membri della Commissione Welfare che, coadiuvati dall’assessore ai Servizi sociali Barbara Scifo e dall’équipe del progetto #Oltreiperimetri, stanno provando a sviluppare un nuovo servizio di welfare comunitario generativo.

“Abbiamo verificato – spiegano dal Laboratorio – che nel nostro Comune vivono persone anziane, ancora autosufficienti, ma in condizioni di isolamento. Persone che rischiano di diventare invisibili perché spesso restano chiuse in casa. Persone ancora capaci e con risorse ma che, nella frenesia del nostro vivere quotidiano, lasciamo ai margini perché non riusciamo a rallentare per vederle e valorizzarle. Abbiamo iniziato a conoscerle, bussando alle loro porte; persone accoglienti con cui condividere esperienze. Vorremmo provare a incontrarne di più, vorremmo ascoltare le loro storie e condividere con loro momenti piacevoli. Basta veramente poco per far star meglio queste persone e rendere la nostra città più solidale”.

I promotori lanciano poi un appello alla ricerca di altri volontari: “Cerchiamo – dicono – altri cittadini che possano dedicare qualche ora del proprio tempo libero a questa esperienza comunitaria. Arese è una comunità attenta, sempre pronta a rispondere generosamente ai diversi bisogni, dei più lontani, così come dei più vicini”.

Per maggiori informazioni e per conoscere meglio questa iniziativa è possibile contattare telefonicamente il numero 347-5695289 oppure inviare una mail ad [email protected]

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese