Home Cronaca

Oggi la cooperativa compie 93 anni!

23 ottobre 2012 – Parlavamo ieri del libro di Roberto Benvenuti sulla storia di Arese e proprio oggi cade il novantatreesimo anniversario dalla fondazione di una società che questa storia la ha attraversata e accompagnata tutta, e cioè la cooperativa Agricola Edificatrice, che dal 1919 è presente con le sue attività sul nostro territorio. Ed è proprio dall’immediato dopoguerra che il suo presidente Achille Vegetti inizia il suo racconto di questi 93 anni: “Dopo la prima guerra mondiale nel nostro paese, stremato dal conflitto bellico e con molte cittadine da ricostruire, riprendeva a spirare un vento nuovo che si era sopito con lo scoppio della guerra stessa; il vento del rinnovamento della classe dirigente con i ceti popolari che iniziavano ad prendere atto della loro situazione di miseria e si davano le prime embrionali strutture organizzative”.

A questo quadro nazionale non faceva eccezione Arese: “Anche nella nostra città – prosegue Vegetti – iniziava a manifestarsi la necessità di mettersi assieme, in cooperativa appunto, perché da soli non si riusciva a darsi un abitazione decorosa e ad acquisire i mezzi per la produzione agricola. Fu così che otto aresini, tra cui mio nonno Achille Giudici e suo fratello Vittore, diventato poi il primo segretario della cooperativa, si recarono davanti a un notaio per dare vita alla nostra cooperativa. Da allora è passato quasi un secolo e la cooperativa si è radicata nel centro del centro storico aresino con un cortile proprio, 19 appartamenti, un minimarket e un circolo cooperativo dato in affitto di ramo d’azienda ad una società esterna. “Noi e i nostri soci – commenta Vegetti – festeggiamo tutti gli anni l’anniversario della cooperativa con un pranzo sociale, che quest’anno, si è tenuto presso il ristorante La Torretta la scorsa domenica 21 ottobre; è un’occasione unica, per chi vi partecipa, di incontrare i vecchi aresini e sentire parlare il dialetto locale”.

Da quel lontano 1919 e da quel manipolo di otto aresini che la fondarono, la cooperativa di strada ne ha fatta: “Oggi – illustra Vegetti – la nostra società cooperativa conta circa 900 soci ed è molto presente nel tessuto sociale aresino con l’attività commerciale del minimarket, le attività immobiliari dei nostri 19 appartamenti e con il circolo/bar. Per quanto riguarda  il minimarket siamo una realtà piccola, 250 metri quadrati, che però svolge una impagabile attività sociale in quanto i nostri clienti/soci abituali sono persone che non possono recarsi nei centri commerciali o nei grandi supermarket per fare la loro spesa; inoltre, con i nostri prodotti da banco di altissima qualità, serviamo coloro che giornalmente comprano i prodotti freschi come pane, salumi, latte e latticini. Il nostro fornitore principale è il mondo cooperativo Coop che ci garantisce generi vari di alta qualità a prezzi competitivi acquisiti inoltre con un etica molte, troppe, volte sconosciuta nel mondo della grande distribuzione. Naturalmente, essendo una piccola realtà con dei costi del personale non paragonabili, non possiamo competere con la grande catena distributiva; cerchiamo però di sopperire a questo con la cortesia dei nostri commessi, con quel clima familiare che ci è universalmente riconosciuto e con promozioni continue di prodotti a prezzi molto competitivi. A questo bisogna aggiungere le nostre promozioni per i soli soci e lo storno del due per cento della spesa annuale ogni febbraio dell’anno successivo; mi piace tradurre questo storno dicendo che ai suoi soci la cooperativa offre una settimana all’anno di spesa gratis!”. Oltre a questo, l’approccio commerciale della cooperativa è quello di offrire promozioni legate al periodo con prodotti di qualità: Al momento – spiega Vegetti – abbiamo in corso due iniziative che ci stanno fornendo un ottimo riscontro: la promozione, per tutto il mese di ottobre, di sei tipi di vino, cinque rossi e un bianco, a prezzi molto competitivi e il pane, ancoro caldo, di Altamura che si può acquisire tutti i venerdì pomeriggio dalle 16,30 in poi. A novembre inizieremo, invece, una vendita promozionale di vini e oli novelli”.

Al fianco delle attività commerciali ci sono anche quelle immobiliari, con la cooperativa che offre i suoi 19 appartamenti ai soci con un contratto di assegnazione perpetuo a proprietà indivisa; in poche parole la cooperativa è e rimane proprietaria degli immobili mentre i soci diventano possessori dei loro appartamenti con un contratto a vita per loro ed i loro parenti conviventi. “Siamo l’unica realtà cooperativa aresina – spiega Vegetti – che assegna appartamenti a proprietà indivisa. Nell’ultimo consiglio di amministrazione abbiamo deciso, e vi ringrazio per permettermi di pubblicizzarlo, di privilegiare, a parità di anzianità d’iscrizione, i giovani aresini. Sentiamo parlare molto spesso del fatto che ad Arese è impossibile affittare una casa se non a prezzi esorbitanti e di giovani che devono emigrare da Arese per trovare casa; ebbene, noi offriamo appartamenti molto dignitosi a prezzi estremamente competitivi e con un contratto a vita. Oggi, per esempio, abbiamo pubblicato nell’albo sociale nel minimarket e nel bar un bando di assegnazione, riservato ai nostri soci, di un appartamento e di due box, con le domande devono essere presentate entro il 31 ottobre”.

Tra le attività della cooperativa ce n’é però una che rappresenta il piccolo cruccio di Vegetti: “Del il circolo/bar – sorride – ho poco da dire; dopo molti tentativi fallimentari del passato di gestire direttamente il nostro circolo, abbiamo deciso di affittare il ramo d’azienda circolo cooperativo a una società esterna al nostro mondo; gli attuali affittuari stanno cercando in tutti i modi di mantenere la tradizione del circolo cooperativa introducendo però alcune  innovazioni per migliorarne l’offerta”.

Oltre alle attività commerciali, la cooperativa ha anche un carattere solidaristico e di valorizzazione del territorio cittadino e, ad esempio, ogni anno sponsorizza, pur senza ricercare necessariamente la visibilità, buona parte delle iniziative sociali o sportive di Arese. “Tra queste mi piace ricordare in particolare – dice Vegetti – che abbiamo attivato il bonus bebè per i giovani soci e le borse di studio per gli alunni migliori; insomma la cooperativa Agricola Edificatrice non è un’attività commerciale in Arese uguale alle altre e il consiglio di amministrazione, all’interno del quale i sette membri lavorano a titolo gratuito, è impegnato giornalmente a fare in modo che queste diversità siano conosciute dai nostri concittadini”. Nell’era della rete anche la cooperativa guarda però avanti: “Nel prossimo futuro – dice Vegetti – vorremmo avere un contatto maggiore con il mondo della scuola; l’educazione alimentare e i consumi etici e consapevoli sono un campo nel quale abbiamo un’esperienza che potremmo trasferire ai nostri giovani concittadini. Abbiamo già attivato un contatto e speriamo che dia i suoi frutti. Stiamo anche cercando di modernizzarci con la comunicazione e dall’inizio di questo mese, abbiamo adottato un nuovo logo e abbiamo avviato una collaborazione con la vostra testata. Stiamo, insomma, facendo di tutto affinché i nuovi aresini conoscano la nostra realtà e per questa ragione invito tutti, giovani e meno giovani, a visitarci per rendersi conto della nostra realtà”.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.