Home Cronaca

Online piattaforma segnalazione disservizi

12 novembre 2013 – E’ stata presentata ieri sera, nel corso di un incontro pubblico che si è tenuto presso la biblioteca, la nuova piattaforma informatica adottata dal nostro Comune per la segnalazione di eventuali disservizi o situazioni che necessitano di un intervento manutentivo per quanto riguarda il verde pubblico e il decoro urbano. Alla presentazione hanno partecipato anche funzionari di Futura Sistemi, la società fornitrice delle piattaforme di inserimento delle segnalazioni, che ne hanno illustrato il funzionamento. Per il momento il servizio sarà accessibile agli aresini dalla pagina web del Comune di Arese (clicca qui) e tramite una App per smartphone e tablet Android, che è già a disposizione per il download sul Play Store (vedi qui). A breve dovrebbe essere rilasciata anche la versione per iPhone e iPad, che è già stata inviata ad Apple ed è in attesa di autorizzazione alla pubblicazione sullo Store.

Naturalmente la piattaforma mobile risulta essere quella più funzionale allo scopo, in quanto permette al cittadino di segnalare con precisione e in tempo reale la situazione rilevata: il sistema, infatti, geolocalizza lo smartphone tramite il suo Gps e inserisce quindi automaticamente la posizione alla quale potrebbe essere necessario un intervento. L’utente ha comunque la possibilità di modificare l’indirizzo qualora, ad esempio, inserisse la segnalazione solo in un secondo momento e da una posizione diversa rispetto a quella che vorrebbe segnalare. Oltre che per il posizionamento lo smartphone viene utilizzato anche per scattare eventuali fotografie della situazione che si vuole segnalare, che verranno allegate al record.

La App ha poi due campi, uno a scelta multipla e uno a testo libero, che permettono, rispettivamente, di inquadrare il problema in una serie di voci predefinite e di aggiungere una descrizione. Le voci attualmente presenti sono: Erba particolarmente alta, Visibilità cartelli stradali, Rimozione materiale, Caduta rami in area verde, Caduta rami in sede stradale, Gioco rotto in area verde, Pavimentazione rovinata e Panchina rotta. Segnalata la situazione che richiede un intervento, il lavoro dell’utente è terminato e il suo risultato è l’apertura di un ticket all’interno del sistema gestionale controllato dal Comune e dalla società che gestisce il servizio. Il cittadino potrà però sempre seguire lo stato della sua segnalazione, verificandone la presa in carico e l’eventuale risoluzione della problematica inserita. Le stesse voci della App sono presenti anche sulla versione Web della piattaforma, dove l’utente deve però inserire l’ubicazione del problema che vuole segnalare. Il procedimento è comunque agevolato da una maschera di ricerca, dove è possibile inserire anche solo parzialmente i nomi delle vie, tenendo però presente che il form è case sensitive e che quindi i nomi andranno digitati con l’iniziale maiuscola (dettaglio che potrebbe magari essere sistemato!).

Come si ricorderà dell’opportunità di scegliere questa piattaforma invece di quella open source di Decoro Urbano si era discusso nelle scorse settimane. Per quanto abbiamo avuto modo di constatare, anche se in maniera ancora superficiale, a favore del software adottato dal Comune ci sono sicuramente due peculiarità importanti, e cioè la possibilità di personalizzazione, anche a misura delle esigenze specifiche di Arese, delle categorie inserite e, soprattutto, il fatto che il software di Futura Sistemi si integra nei gestionali del Comune, permettendo agli operatori di seguire le problematiche e la loro risoluzione da un’unica piattaforma che è utilizzata da tutti gli uffici.

Tra i contro il fatto che il software non è gratuito e la sua impostazione poco “trasparente” verso l’esterno. Per quanto riguarda il costo in realtà, anche se la piattaforma di Futura Sistemi ha un prezzo si circa 6 mila euro, al nostro Comune non è di fatto costata nulla, perché fornita dalla società che cura il verde pubblico nell’ambito di un contratto triennale del valore di molto superiore al milione di euro. Per quanto riguarda la “trasparenza” verso l’esterno, richiesta giunta anche da qualcuno ieri sera alla presentazione, questa non è dettata da una certa dose di voyerismo degli aresini, come è stata un po’ improvvidamente definita da uno dei funzionari di Futura Sistemi, quanto piuttosto dalla possibilità per il cittadino di monitorare l’efficienza del suo Comune. Da questo punto di vista, comunque, l’assessore Ioli ha annunciato che l’amministrazione fornirà delle statistiche periodiche delle segnalazioni giunte, che sono già ora generate dal sistema. Non si può poi nemmeno escludere a priori che, in futuro, la stessa piattaforma di Decoro Urbano possa essere integrata nel sistema adottato dal nostro Comune: dal punto di vista tecnico, infatti, come ha confermato Futura Sistemi, problemi non ce ne sarebbero, perché Decoro Urbano è open source e la piattaforma adottata dal nostro Comune si presta già ora, con gli opportuni interventi, all’integrazione.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese