Home Cronaca

Passaparola: “Gli alberi aprono gli occhi!”

23 giugno 2014 – Nel fine settimana iniziativa dal sapore un po’ goliardico di Passaparola, che prosegue nella sua campagna a difesa degli alberi che, secondo le analisi del gruppo, rischierebbero di essere tagliati per fare spazio a quanto previsto dal piano viabilità. Ed è così che a tutte le piante di viale Resegone sono spuntati gli occhi: “Con l’arrivo dell’estate – così Passaparola spiega l’iniziativa – ad Arese sono sbucati gli occhi agli alberi. Alberi che da sempre ci annunciano l’arrivo della primavera, che da sempre ci riparano dal sole durante l’estate, che hanno visto silenziosamente nascere e crescere noi, i nostri padri ed i nostri figli. Questa mattina in occasione dell’estate hanno aperto gli occhi per ricordare a tutti che gli alberi di Arese non si tagliano, non si abbattono ma si rispettano. Raccogliamo il loro appello e salviamo gli alberi di Arese dal progetto di viabilità del sindaco Palestra e dell’assessore Ioli. Fate sentire la vostra voce, dite al sindaco di ripensarci prima che sia troppo tardi, prima che l’approvazione di quel piano metta in funzione le motoseghe per distruggerli”.

Passaparola sostiene che gli alberi che dovranno essere tagliati sono in un numero significativo, contrariamente a quanto annunciato in un primo momento: “Il sindaco – affermano dal comitato – aveva garantito a dicembre che sarebbero stati abbattuti alberi in un solo punto, tra l’altro proprio i più belli di Arese presenti da generazioni alla rotonda di Gran Paradiso, invece, incredibilmente, guardando il progetto e facendo una semplice conta saranno abbattute oltre 40 piante in molti punti di Arese e molte altre saranno oggetto di improbabili spostamenti per permettere la fluidificazione delle nostre strade e assorbire con le strade urbane il traffico di attraversamento a suo tempo previsto per la Tangenzialina esterna. Gli alberi sabato mattina hanno aperto gli occhi, oltre 4.300 cittadini lo hanno fatto da tempo, ora occorre attendere che anche il sindaco e il suo assessore capiscano che i progetti devono partire dalle priorità e che la priorità per Arese non è fluidificare il traffico di chi ad Arese ci passa, ma tutelare realmente chi ad Arese ci vive. Alberi compresi”.

Passaparola ha poi pubblicato sul proprio sito la mappa degli alberi che, dalle analisi effettuate dal gruppo, risulterebbe necessario abbattere in quanto interferenti con il progetto per la nuova viabilità aresina (vedi qui).

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese