Home Cronaca

Polveri sottili da 15 giorni oltre il valore limite

03 febbraio 2016 – Malgrado le piogge, per la verità di modesta entità, di questi giorni, il Pm10 rimane oltre i valori di soglia, fissati in 50 µg/m³. Addirittura lo scorso sabato 30 gennaio il particolato ha raggiunto il valore record di 147 µg/m³, un dato triplo rispetto al limite. Da domenica 31 il Pm10, anche grazie a quel poco di pioggia che è arrivata, ha iniziato a diminuire, attestandosi prima a 88 µg/m³, per poi calare ulteriormente a 66 µg/m³ nella giornata di lunedì 1 febbraio. Ieri, invece, il Pm10 ha ripreso ad aumentare, con la centralina di Arese che ha registrato un valore di 92 µg/m³. Per domani, vista la pioggia che sta cadendo, probabile un nuovo abbassamento, anche se per ripulire l’aria, le precipitazioni dovrebbero continuare.

Negli ultimi 15 giorni il valore di Pm10 ad Arese non è mai sceso sotto il valore limite di 50 µg/m³, andando da un minimo di 66 µg/m³ a un massimo di 147 µg/m³, valori registrati rispettivamente gli scorsi 1 febbraio e 30 gennaio. Ne consegue che le misure restrittive alla circolazione nella nostra città rimarranno in vigore almeno, e nella migliore delle ipotesi, fino al prossimo fine settimana. Il protocollo della Città Metropolitana, al quale ha aderito nello scorso mese di dicembre anche il nostro Comune, prevede infatti che per revocare i blocchi il Pm10 debba scendere sotto il valore limite per almeno tre giorni consecutivi. Allo stato attuale dunque rimarranno in vigore almeno fino sabato le limitazioni alla circolazione, che prevedono il blocco del traffico per i diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato. Blocco che per i privati va dalle 8.30 alle 18.00 dal lunedì al venerdì e per quelli commerciali dalle 7.30 alle 10.00, sempre dal lunedì al venerdì.

Rimangono in vigore anche le misure relative al riscaldamento domestico, che impongono la riduzione di un grado del valore massimo delle temperature nelle abitazioni, oltre alla riduzione di due ore della durata massima giornaliera di attivazione degli impianti termici.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese