Home Cronaca

Presentati due libri sulla storia locale

06 ottobre 2014 – Nell’ambito dell’iniziativa dell’assessorato alla Cultura, battezzata “Scrittori a km zero”, sono stati presentati sabato pomeriggio, alle ore 16, due interessanti libri che riguardano molto da vicino la nostra zona. Il primo è intitolato “Castellazzo: parrocchia e borgo” e gli autori sono Giovanni Sordelli e Padre Egidio Zoia, parroco di Castellazzo; il secondo libro, invece, “La parrocchia di Arese. 400 anni fra cronaca e storia” è stato scritto da Marco Buroni e ci riguarda ancor più da vicino.  Com’è facilmente intuibile dal titolo della stessa iniziativa, lo scopo di questa rassegna è quello di presentare e valorizzare gli scrittori locali, portando a conoscenza del pubblico le loro opere. La presentazione dei libri è stata preceduta da una breve introduzione fatta dall’assessore alla Cultura, Giuseppe Augurusa, che ha voluto ricordare l’importanza di tale iniziativa, incominciata settimana scorsa con la presentazione di un’opera letteraria riguardante l’ex Alfa-Romeo. Moderatore dell’incontro è stato Piero Uboldi, direttore de Il Notiziario che ha introdotto sia Padre Egidio Zoia, l’ultimo parroco di Castellazzo dopo 763 anni, sia Marco Buroni, autore di testi storici riguardanti la nostra città, usciti negli ultimi anni ad Arese.

Durante l’incontro letterario, avvenuto alla presenza di una ventina di persone, si è parlato anche, tra tanti argomenti e curiosità, dei recenti ritrovamenti archeologici sul percorso della Rho-Monza, che testimoniano fermenti, sviluppi di attività e insediamenti abitativi già presenti 2 mila anni fa. Un pomeriggio dove i presenti hanno fatto un bel tuffo nel passato, passando dall’epoca di Carlo Borromeo fino all’esplosione delle fornaci, che ha causato una strage di donne, fatto ben descritto da Hemingway in uno dei suoi capolavori, “Addio alle armi”. Terminiamo ricordando che, oltre al lato storiografico, il libro di Sordelli e Zoia si propone anche un altro scopo, che è quello di contribuire alla raccolta di fondi per il rifacimento del tetto della Chiesa di Castellazzo. (Jolly)

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese