Home Cronaca

Procedono i lavori di bonifica della Pellico

19 ottobre 2012 – Sulla vicenda della scuola media Silvio Pellico, una volta definito lo smistamento delle sue 18 classi all’interno di altre strutture aresine, era sceso un po’ il silenzio. Chi ha continuato a seguire lo sviluppo della situazione è stato il Comitato Genitori Arese, che lo scorso primo ottobre ha inviato una mail al commissario prefettizio Anna Pavone nella quale si chiedeva un’aggiornamento sullo stato dei lavori. E oggi la Pavone ha risposto in maniera piuttosto esaustiva alla richiesta, dettagliando le azioni già intraprese e quelle che verranno portate a termine nell’immediato futuro. “Il 24 settembre – ha reso noto il commissario – è iniziato l’intervento di bonifica del primo piano della scuola Silvio Pellico. L’avvio delle attività è stato preceduto dall’esecuzione di ulteriori indagini sul controsoffitto e sui rivestimenti murari al fine di accertare la presenza o l’accumulo di fibre di amianto in queste strutture”.

La verifica ha dato esito negativo e, sulla scorta di questo risultato, la società affidataria dei lavori ha predisposto un piano di intervento che è già stato consegnato e quindi approvato dall’Asl. L’intervento di bonifica è perciò stato avviato e, una volta ultimato, verranno effettuati dei campionamenti di materiale, che sarà analizzato dagli enti preposti per verificare se è ancora presente dell’inquinamento ambientale residuo. Una volta accertato che tutto l’amianto disperso sia stato rimosso dall’edificio, verranno ripresi i lavori in atto al primo piano, disposti a suo tempo per adeguare la Silvio Pellico alle disposizioni in tema di sicurezza e igiene sul lavoro e alle norme per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Anna Pavone ha anche reso noto che il primo ottobre è stata indetta la gara per effettuare la bonifica del piano terra, con l’intervento che si presume possa iniziare entro fine ottobre. Per dirla come il nostro Francesco Gentile questa volta due Più, uno al Comitato Genitori e l’altro al commissario prefettizio!

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.