Home Cronaca

Rho-Monza, ecco il progetto

6 agosto 2010 – Mentre il dibattito sulla configurazione definitiva della Rho-Monza prosegue, in particolare per quanto riguarda l’attraversamento di Paderno Dugnano e l’incrocio con la Milano-Meda, Società Autostrade per l’Italia ha presentato il progetto definitivo del tratto che ci riguarda più da vicino: quello di Baranzate e Bollate. In pratica si tratta degli svincoli che consentiranno anche a noi aresini di imboccare la Tangenziale Nord verso Monza senza dover passare dal (costoso) casello di Arese. Il progetto prevede che la nuova tangenziale non abbia uno svincolo diretto con la ex statale Varesina (non ci sarebbe abbastanza spazio), ma ci passi sotto. Per imboccarla verrà invece realizzato un complesso svincolo dietro al centro commerciale (Esselunga, Decathlon, Leroy Merlin). L’attuale rotonda sulla Varesina verrà spostata poche decine di metri più avanti e da lì, girando a destra provenendo da Ospiate si potrà andare a imboccare la tangenziale. In alternativa, sarà possibile, appena usciti da Ospiate, girare a sinistra sulla nuova rotonda costruita davanti a Norauto e proseguire fino alla via Piave di Bollate (quella dell’ospedale) e lì girare a destra per andare a imboccare il secondo nuovo svincolo.

Rispetto a quanto previsto dai progetti precedenti, infatti, la tangenziale correrà più vicina a Bollate e non più sull’attuale tracciato, che verrà invece cancellato restituendo il territorio al comune di Baranzate. Il progetto definitivo può ora essere oggetto di osservazioni, anche da parte dei cittadini, fino al quattro ottobre, quando riprenderà l’iter per l’approvazione o per la messa a punto di nuove modifiche. La speranza ora è che tutto non si areni di nuovo per le richieste dei singoli comuni interessati, che già hanno ottenuto numerosi interventi rispetto alle prime ipotesi di tracciato. Il comune di Bollate, per esempio, vuole chiedere risorse per instaurare una zona a traffico limitato controllata dalle telecamere nel centro della città. Cosa questo c’entri con la nuova tangenziale non è dato sapere. Ma in Italia le cose funzionano così…