Home Cronaca

Scendono i positivi ad Arese (sono 88), mentre si attendono decisioni sul commercio

14 maggio 2020 – Dallo scorso 11 maggio le informazioni che riguardano il numero di positivi e di decessi sul portale di ATS Città Metropolitana vengono aggiornate solo due volte a settimana. Oggi, al primo appuntamento con i nuovi dati, il totale delle persone attualmente positive ad Arese è sceso a 88, dalle 93 di lunedì scorso. Purtroppo, bisogna registrare due decessi, per un totale che arriva a 31. Il numero dei guariti è salito invece a 59. Tra i positivi, solamente tre sono ricoverati in ospedale, mentre ci sono 119 persone in “quarantena”.

Intanto si dibatte a livello regionale, finora senza costrutto, per decidere se e quali attività commerciali aprire a partire da lunedì 18 maggio. L’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri lascerebbe aperta la porta a bar, ristoranti, negozi in generale e parrucchieri, ma la decisione può arrivare solo da Regione Lombardia, che dovrebbe decidere domani mattina, venerdì 15 maggio. Il Comune di Arese comunica di essere in attesa del decreto legge e dell’ordinanza regionale.

Per quanto riguarda la possibilità emersa in questi giorni di occupare suolo pubblico con sedie e tavolini da parte di bar e ristoranti, dovrebbe essere autorizzata anche dal nostro Comune (in deroga al regolamento vigente,) nel rispetto del Codice della strada e di eventuali altre prescrizioni. “Solo dopo aver verificato le norme (che pubblicheremo non appena disponibili), saremo in grado di concordare con gli uffici le misure necessarie a tutela della salute e della sicurezza, così da consentire ai commercianti di organizzarsi per tempo”, si legge sul sito del Comune. “L’amministrazione comunale sta lavorando a misure di sostegno del commercio locale con l’obiettivo di facilitare una rapida ripresa del nostro territorio”.

Ecco il messaggio che oggi il sindaco Michela Palestra ha pubblicato sui canali istituzionali del Comune di Arese:

Dal portale dei dati ATS rileviamo (tra parentesi l’incremento rispetto all’ultima pubblicazione):

  • casi totali 178 (+6)
  • decessi 31 (+2)
  • guariti 59 (+9)
  • persone in quarantena, cioè con limitazioni allo spostamento 119
  • ricoverati 3

Purtroppo in Lombardia sono aumentati i decessi e i contagi, ma fortunatamente sono calati i ricoveri. A breve, invece, dovrebbero vedersi i primi dati successivi all’allentamento delle restrizioni del lockdown.

Nell’attesa dei provvedimenti definitivi di Governo e Regione Lombardia, stiamo lavorando per gestire la complessità delle varie problematiche che investono i Comuni. Siamo consapevoli delle esigenze delle famiglie rispetto ai centri estivi, a spazi di socialità, alla ripresa dell’anno scolastico; dei commercianti alle prese con le riaperture e le prescrizioni del caso; dei cittadini che lavorano e di quelli che restano a casa. Abbiamo consapevolezza che è necessario andare incontro alle esigenze di tutti e il nostro impegno è concreto e puntuale. Gli uffici continueranno a operare privilegiando la modalità telematica per tutelare la nostra e la vostra salute. Stiamo sanificando gli spazi e, a breve (indicativamente lunedì 25 maggio), riaprirà la Biblioteca comunale, anche se solo parzialmente per il ritiro delle prenotazioni. È evidente che in questa fase serve molta cautela. Il virus non è scomparso e per imparare a convivere con questa situazione dobbiamo mostrare un comportamento civile, sicuro e di buon senso.

Invito i cittadini a partecipare in forma anonima al progetto EPICOVID19, una ricerca che ha l’obiettivo di stimare il numero di casi sospetti d’infezione da COVID-19 e di determinare fattori potenzialmente associati sul territorio nazionale. I risultati ottenuti da questa ricerca potranno fornire un contributo immediato per definire programmi di sorveglianza e intervento da parte delle autorità sanitarie. L’impegno richiesto è di pochi minuti e tutti insieme possiamo rappresentare un campione maggiormente significativo del nostro territorio.

Michela Palestra, sindaco di Arese

© riproduzione riservata – Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese