Home Cronaca

Sfilata anni ’60/’90 alla Casa di riposo

27 ottobre 2014 – E’ stata, quella appena trascorsa, una domenica diversa dal solito, per i tanti ospiti e i loro parenti, alla Casa di Riposo Gallazzi-Vismara. Grazie alla regia di Silvia Mercoli e alla sua compagnia teatrale Lattenero e alla musica di Eleonora Mosca, direttrice dell’Isola delle note, si è sviluppato per la sala riunioni e per il corridoio prospiciente, un interessante spettacolo storico-musicale che ha avuto lo scopo di proporre una sfilata di moda riguardante i vestiti da sera del periodo 1960/90. Il tutto, intervallato da tocchi di chitarra del M° Andrea Fantozzi e da esecuzioni di canzoni dell’epoca. Uno spettacolo che ha fatto fare a tutti un bel tuffo nel passato e che, soprattutto, è piaciuto a tutti.

A Silvia Mercoli, poco prima della performance, abbiamo chiesto com’è stata la “genesi” di questo spettacolo. Ecco, la risposta della stessa regista: “Questo spettacolo è nato in diverse forme. Sono anni che facciamo sfilate-spettacoli. Abbiamo una vastissima collezione di abiti, sia etnici, sia storici e abbiamo fatto anche una breve storia della moda. Oggi presentiamo abiti da sera del periodo anni ’60/’90. Gli abiti vengono alternati a canzoni proposte da Eleonora Mosca che comunque riguardano sempre il periodo in questione. Una sorpresa per domenica pomeriggio ha riguardato la presenza di due tangueros che hanno eseguito, chiaramente, musiche argentine”.

Eleonora Mosca, invece, ci ha illustrato la parte musicale dello spettacolo: “La musica proposta oggi si sposa con gli abiti dell’epoca. Si va, quindi, da Unforgettable a Nessuno mi può giudicare, a La bambola e via dicendo. Non mancano incursioni anche nel mondo dei musical e dei grandi film americani”. Uno spettacolo che, indubbiamente è piaciuto ma che, riteniamo, potrebbe avere maggior “fascino” e ancor maggior successo se presentato anche in un contesto diverso, quale potrebbe essere, ad esempio, un teatro o un posto similare, anche perché ha tutte le carte in regola per piacere al pubblico. (Jolly)

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese