Home Cronaca

Sigilli al Centro Sportivo Davide Ancilotto!

12 luglio 2012 – Sono passate due settimane dall’ordinanza sindacale che decretava la chiusura del Centro Sportivo Davide Ancilotto per una situazione “di grave pericolo per la cittadinanza e per tutti gli utilizzatori della struttura sportiva per probabile assenza di idonei strumenti per intervenire in caso di incendio e di pericolo” (leggi qui), due settimane durante le quali gli uffici tecnici del Comune non avevano dato grossi segnali di voler applicare con celerità quanto disposto dall’ordinanza. Casualità vuole che, invece, l’intervento ci sia stato a distanza di poche ore dal comunicato stampa con il quale la Lega annunciava che, in caso di mancata ottemperanza al decreto del sindaco, avrebbe provveduto a “inoltrare apposita denuncia per chiedere di accertare l’eventuale omissione di atti di ufficio da parte dei soggetti che devono e dovevano provvedere a far rispettare l’ordinanza sindacale di chiusura del Centro Sportivo Davide Ancilotto” (leggi qui).

E così, questa mattina, la Polizia Giudiziaria ha emesso un provvedimento di sequestro della struttura del centro sportivo, fatta applicare dagli agenti della Polizia Locale, con il supporto tecnico dei Carabinieri. Le persone in quel momento presenti all’interno della struttura sono state invitate ad allontanarsi dal centro sportivo, mentre per i bambini che abitualmente frequentano il centro estivo il termine è stato prorogato fino alle 17.00 di questa sera per l’oggettiva impossibilità di contattare per tempo tutte le famiglie. Da questa sera, quindi, il Centro sportivo resterà completamente chiuso. Già dalle 14,30 di oggi pomeriggio inizieranno però i sopralluoghi di verifica che, condotti dai responsabili dei Lavori pubblici e della Polizia locale, accompagnati dal consigliere comunale Marco Rebuffi, serviranno a dare seguito alla seconda parte dell’ordinanza del sindaco Ravelli, e cioè l’accertamento della sicurezza di tutti gli impianti presenti all’interno centro.

Questo articolo può esser commentato sulla pagina Facebook del sito di QuiArese.